Quantcast

Pillole di storia con le Cartoline dal passato del museo di Arona

In queste giornate in casa, tra lockdown più o meno severi, è possibile dedicarsi alla scoperta della storia del territorio grazie a un "racconto a puntate" pubblicato sulle pagine social del Museo di Arona

museo archeologico arona

Non solo like e selfie, se usato con cura, Facebook si conferma ancora una volta uno straordinario veicolo di cultura e narrazione. In queste giornate in casa, tra lockdown più o meno severi, è possibile dedicarsi alla scoperta della storia del territorio grazie a un “racconto a puntate” pubblicato sulle pagine social del Museo di Arona.

Nonostante la chiusura l’attività divulgativa infatti non si ferma. Sulla pagina Facebook dell’ArcheoMuseo Khaled al-Asaad (porta il nome del “custode di Palmira”, rapito da un gruppo jihadista e barbaramente ucciso) è possibile ricevere ogni settimana le “cartoline dal passato”.

Un viaggio virtuale tra i reperti di Arona, dei dintorni e dei comuni del Basso Verbano. I post raccontano i luoghi, gli oggetti, le testimonianze storiche, gli scavi, le scoperte ma anche la sensibilità delle persone che si sono imbattute in reperti di rilevanza archeologica e hanno scelto di metterli a disposizione della collettività, elemento quest’ultimo purtroppo non sempre scontato. È il caso dell’ornamento presentato nel post che condividiamo qui sotto, un’armilla in bronzo, testimonianza importante dell’Arona gallica:

Le cartoline del museo di Arona, portano anche alla scoperta della storia dei dintorni, un territorio che ha fatto da culla a importanti civiltà, tra le più conosciute quella dei Celti di Golasecca le cui tracce sono tutt’ora uno degli elementi caratterizzanti delle collezioni museali della zona.

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 21 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore