Quantcast

Angera, i progetti dei servizi sociali per far fronte all’emergenza covid

Più di ottanta le consegne a domicilio, 104 quelle dei farmaci. L’assessore Campagnuolo anticipa che l’amministrazione è intenzionata a istituire un fondo di solidarietà

Coronavirus: il minuto di silenzio per le vittime nei comuni varesini

L’emergenza coronavirus non è ancora del tutto alle spalle. Per questo motivo, i servizi sociali del comune di Angera, come in altri paesi del Basso Verbano, continuano a lavorare con costanza per far fronte alle situazioni di fragilità causate dal covid.

Come spiegato l’assessore ai servizi sociali Antonio Campagnuolo, dall’inizio dell’emergenza coronavirus l’amministrazione comunale di Angera ha effettuato più di ottanta consegne a domicilio di spese alimentari e 104 tra farmaci e medicine.

«Oltre alle consegne a domicilio, che hanno potuto contare sull’importante partecipazione di un gruppo di quindici volontari dei servizi sociali – sottolinea l’assessore Campagnuolo -la Protezione Civile si è occupata delle consegne anche nelle case delle famiglie angerese colpite dal Covid-19, facendo pervenire loro non solo spesa e farmaci, ma anche giornali e giochi per i bambini».

Le domande evase inerenti ai buoni spesa sono state invece 73 nella prima tranche, con trenta ulteriori domande evase dopo il secondo giro di distribuzione, attualmente in corso.

«Il lavoro è stato davvero impegnativo e ha richiesto molto energia da parte di tutto l’ufficio dei servizi sociali. Una mattina abbiamo ricevuto più di 85 telefonate senza che però nessuno si sia mai tirato indietro e per questo ringrazio di cuore tutte le persone che si sono rese sempre disponibili durante l’emergenza».

A tal proposito l’assessore aggiunge che, in ottica dell’approvazione di bilancio, l’amministrazione è intenzionata a istituire un fondo di solidarietà, con pacchetti per le famiglie in situazioni disagio, in modo tale da continuare a far fronte alle esigenze che le famiglie avranno ancora in futuro.

Un’ultima novità, che sarà apprezzata soprattutto dai più piccoli, riguarda infine i nuovi giochi inclusivi, quindi adatti anche ai bambini con disabilità, che dovevano essere installati già a febbraio, prima dell’emergenza covid: «Questa settimana sono incominciati i lavori sia per l’area in centro città di Piazza Garibaldi, dove è già stato installato un nuovo gioco, sia per la Casetta Pop-Up di via Adige, dove invece verranno posizionati un’altalena e una casetta. L’ultimo gioco, un cavallo a molla – conclude Campagnuolo-, sarà invece collocato nel parchetto di Via Volturno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Maggio 2020
Leggi i commenti

Foto

Angera, i progetti dei servizi sociali per far fronte all’emergenza covid 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore