Quantcast

B&b e case vacanza, “pienone” all’incontro con gli esperti

Dagli adempimenti burocratici agli interventi strutturali necessari ad avviare un'attività ricettiva: ad Angera un incontro per affrontare le nuove opportunità di un settore in crescita

beb convegno angera

La sala consiliare gremita di giovedì pomeriggio ne è la prova: l’attenzione verso le nuove opportunità offerte dal settore turistico e in particolare dal mercato delle strutture ricettive non alberghiere, come bed and breakfast e case vacanza, è sempre più elevata e diffusa.

In tanti hanno accolto l’invito della Camera di commercio di Varese e del Comune di Angera a partecipare al workshop dedicato alle possibilità di valorizzazione del patrimonio immobiliare in ambito turistico. Tra il pubblico gestori di b&b, agenti immobiliari e anche alcuni proprietari interessati a cogliere quanto di promettente offre il settore.

Ad aprire i lavori, il sindaco di Angera, Alessandro Paladini Molgora che ha sottolineato l’importanza di rispondere a una domanda di ospitalità in crescita e di fare rete per migliorare l’accoglienza dei potenziali turisti e il presidente dell’ente camerale Fabio Lunghi che ha sottolineato le performance del settore, in costante crescita sia in termini di visite che di presenze. «Si parla di turismo – ha sottolineato Lunghi – ma le ricadute sono più ampie. Infatti, dove l’imprenditorialità turistica è maggiore e migliore, ci sono ripercussioni positivi in termini di indotto diretto e indiretto. È il caso quest’ultimo della valorizzazione immobiliare e dell’attrattività di investimenti, con importanti riscontri in termini occupazionali. Il tutto su un’area del Basso Verbano dove il turismo vede presenze legate non solo al “leisure” bensì anche all’attività sportiva, al settore manifatturiero e alla ricerca scientifica». «Angera – precisa Molgora – sta investendo molto sul turismo. Il suo target è un turismo di qualità, capace di generare ricadute per tutto il territorio, valorizzando il suo lato autentico».

Ma non sono solo i numeri in crescita a far ben sperare (gli arrivi in provincia sono quasi raddoppiati dai 751mila del 2007 al milione e 420mila del 2017) lo è anche l’aumento dei viaggiatori interessati ad alloggiare in camere non hotel, come appunto appartamenti, b&b e case vacanza. Turisti forse più “smart” ma non per questo meno attenti alla qualità dell’offerta. Per questo motivo l’incontro ha voluto approfondire anche gli aspetti legati alla gestione ottimale di tutte le fasi che vanno dall’apertura delle nuove strutture all’accoglienza dei viaggiatori.

beb convegno angera

Dettagli e consigli hanno riguardato l’attività recettiva a 360 gradi: dalle normative e gli adempimenti burocratici, alla comunicazione, dagli interventi tecnici e strutturali necessari alla rete territoriale. Tra i relatori e gli ospiti invitati Pietro Lenna, dirigente di Regione Lombardia, William Malnati, dottore commercialista, Sergio Achini, architetto, Francesca Vittori, Responsabile Marketing & Comunicazione Explora Tourism, Valeria Baietti, assessore comunale alla cultura, Frederick Venturi, presidente di Federalberghi Varese, Alfredo Dal Ferro, presidente Associazione BB Varese ed Edoardo Favaron, presidente regionale Faita.

 

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 10 Maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore