Quantcast

Di Maio fiducioso su dialogo con la Svizzera per tutelare la salute dei frontalieri

Uncem parte attiva nel coordinamento tra le autorità locali italiane nelle aree di frontiera e le omologhe parti elvetiche

“Vigilanza e raccordo”. Così il Ministro Luigi Di Maio spiega a Uncem rispetto al lavoro che il Ministero degli Esteri sfa facendo con le Autorità federali svizzere a tutela dei lavoratori frontalieri italiani, in particolare lombardi e piemontesi. “Accolgo la disponibilità di Uncem – conferma il Ministro al Presidente Bussone, al Vicepresidente Mazzoleni, ai Presidenti di Delegazione Maffezzini e Riba  – a rendersi parte attiva nel coordinamento tra le autorità locali italiane nelle aree di frontiera e le omologhe parti svizzere“. Di Maio ha detto ai vertici Uncem di essere fiducioso rispetto al dialogo tra Autorità della Confederazione e dei Cantoni, a tutela della salute dei lavoratori frontalieri.

Anche Lombardia e Piemonte, tramite due note inviate a Uncem dall’Assessore Sertori e dal Presidente Cirio, hanno confermato tutto l’impegno a vantaggio dei lavoratori frontalieri. Così anche molti Parlamentari, grazie all’impegno del Ministro Amendola e all’attività istituzionale alla Camera e al Senato.

“I Cantoni – scrive Sertori, da Palazzo Lombardia a Uncem – hanno risposto in maniera differente all’attuazione di disposizioni confederali, in  taluni casi rafforzando le misure di emergenza.  Il Canton Ticino, ad esempio, anche grazie alle forti e costanti sollecitazioni di Regione  Lombardia, ha disposto la chiusura di tutte  le attività commerciali e produttive private, nonché la sospensione di tutte le attività nei  cantieri, in analogia con la tipologia di misure assunte nel nostro Paese.

Regione Lombardia ha proseguito la già continua interlocuzione con le autorità elvetiche  rispetto al tema della sicurezza e delle tutele occupazionali ed economiche dei lavoratori  frontalieri, con l’auspicio di condividere una strategia di contenimento il più possibile efficace  e omogenea per tutti i lavoratori frontalieri, pur nel rispetto dell’autonomia decisionale di  ciascun territorio.  Si sono intensificati i lavori della Commissione speciale sui rapporti con  la Confederazione Elvetica del Consiglio regionale della Lombardia allo scopo di elaborare proposte concrete da portare all’attenzione del Governo affinché siano previste specifiche  misure a tutela dei frontalieri in questa delicata situazione.

di redazione@vconews.it
Pubblicato il 29 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore