Quantcast

Palpeggia la paziente in ospedale: arrestato operatore sanitario a Verbania per violenza sessuale

Una donna di 45 anni si è recata al “Castelli” per effettuare una visita e il sospettato, un “oss“ avrebbe approfittato di lei: si trova ora ai domiciliari. L'accusa è di violenza sessuale aggravata

Generico 08 Aug 2022

L’accusa è grave e ha difatti causato l’arresto del sospettato del reato di violenza sessuale con le manette fatte scattare all’alba di martedì a Verbania da parte dei carabinieri della Stazione di Stresa che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Verbania su richiesta della Procura della Repubblica nei confronti di un uomo 27enne, pregiudicato.

I fatti risalgono a pochi giorni fa, precisamente il 29 luglio scorso, quando una donna di 45 anni si è recata all’ospedale “Castelli” di Verbania per effettuare una visita.

La paziente, che accusava dei lievi disturbi a seguito di un intervento chirurgico, si trovava nell’area “triage” del pronto soccorso quando viene avvicinata dall’uomo, un operatore socio sanitario – “oss“ –  che asseriva di essere stato incaricato di prestarle assistenza in attesa della visita medica. Quest’ultimo, abusando del proprio ruolo e delle relative funzioni e dello stato d’ansia in cui si trovava la donna a causa dei disturbi, è accusato di aver costretto la paziente a subire degli atti sessuali; in particolare avrebbe inizialmente negato alla paziente di potersi recare in bagno, costringendola così a svestirsi e fare uso della cosiddetta “padella” che egli stesso ha provveduto a posizionare e successivamente, dato che la paziente non riusciva ad urinare, col pretesto di aiutarla, ha palpeggiato la donna più volte; il 27enne ha poi concesso alla paziente di recarsi in bagno nel quale, senza alcuna reale necessità terapeutico-assistenziale, l’uomo è entrato più volte col pretesto di accertarsi che la stessa riuscisse ad espletare i propri bisogni fisiologici per poi ricorrere ad ulteriori palpeggiamenti utili, a dire dell’uomo, ad un’accurata pulizia prima della visita medica. La donna, benché trovasse la cosa singolare, fidandosi di lui, in un primo momento ha lasciato fare ma subito dopo, quando l’OSS le ha chiesto se fosse fidanzata, ha subito compreso di trovarsi in una situazione anomala e, ritraendosi, ha chiesto all’uomo di uscire dal bagno.

La vittima, dopo aver terminato la visita medica, si è subito recata presso la Stazione Carabinieri di Stresa per denunciare quanto accaduto. Le indagini, avviate immediatamente, hanno consentito ai militari di raccogliere in breve tempo materiale e testimonianze utili a corroborare l’ipotesi investigativa e a raccogliere i gravi indizi di colpevolezza confluiti nell’odierno provvedimento restrittivo. L’arrestato, dopo l’espletamento delle formalità di rito presso il Comando Provinciale Carabinieri di Verbania, è stato tradotto presso il proprio domicilio al regime degli arresti domiciliari. L’accusa è di violenza sessuale aggravata.

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 09 Agosto 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore