Quantcast

“Sfasciò” la caserma dei Carabinieri di Luino dopo l’arresto: condannato a due mesi

L'uomo, 30 anni, residente a Cadegliano Viconago era già stato condannato per l’incendio della casa della madre e per altri reati ai danni di quest'ultima

tribunale varese

Prima le fiamme appiccate alla casa della madre per le quali sta scontando una condanna, poi anche la resistenza a pubblico ufficiale in caserma e i danneggiamenti all’interno della stessa, avvenuti dopo l’arresto disposto dal gip di Varese.

È per quest’ultimo fatto risalente all’estate scorsa che un trentenne di Cadegliano Viconago è stato condannato martedì dinanzi al giudice monocratico di Varese a due mesi per quell’episodio violento ai danni dei militari. L’uomo, difeso dall’avvocato Giorgio De Vincenti era stato condannato con rito abbreviato a 3 anni e 4 mesi per incendio, violenza privata, maltrattamenti e lesioni (tutti reati aggravati) nei confronti della madre (QUI l’articolo di VareseNews riferito a quegli atti) a cui ora si sommeranno anche i due mesi frutto del patteggiamento.

L’obiettivo della difesa è quello di tramutare ora la pena in un affidamento in comunità terapeutica per risolvere i problemi dell’imputato legati alle dipendenze, anche a fronte del fatto che il giovane seppur senza fissa dimora aveva un’occupazione prima dell’arresto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore