Quantcast

Perché d’estate dopo un temporale l’asfalto profuma e d’inverno no?

Un odore che piace a tanti e che abbiamo provato a capire da dove nasce, trovandoci catapultati in un mondo di fulmini e batteri

Petricore Geosmina Odore Pioggia

Ci sono alcuni odori che, vai a sapere perché, piacciono tantissimo o all’opposto vengono detestati dalle persone: l’erba appena tagliata, la benzina, i tartufi, il salmastro. Fra questi c’è anche lui: il profumo della pioggia d’estate che nell’immaginario di molti coincide con l’odore di “asfalto bagnato”.

Ci sarebbe tanto da dire sul perché siamo portati ad associare immagini agli odori, come in questo caso. Per farla molto corta, non me ne vogliano gli addetti ai lavori, il motivo è molto semplice: non ci sono, nel nostro linguaggio, parole adatte a definire gli odori. Per questo dobbiamo per forza raccontarli con le immagini delle cose che hanno quel dato odore. Un po’ un cane che si morde la coda, in realtà. Perché come faccio a spiegarti di cosa profuma una banana, se non ne hai mai odorata una? Posso farlo solo per assonanza con altre cose che hai eventualmente già annusato, ma non ci sono altre strade “linguistiche”.

Econews Generico

A meno che voi veniate dalla Malesia e parliate lo jahai. Sì, perché la psicologa Asifa Majid (Università Radboud Nijmegen) e il linguista Niclas Burenhult (Università Land Sweden) hanno trovato le prove del cosiddetto “linguaggio degli odori” nella penisola malese, pubblicando i risultati del loro studio sulla rivista Cognition. La lingua jahai ha infatti moltissimi termini e parole che descrivono nel dettaglio gli odori, rendendoli “raccontabili” a differenza di ciò che avviene in molte lingue (gli inglesi specialmente, nello stesso studio, risulta siano molto impacciati nel farlo perché il loro idioma è particolarmente povero di tali termini).

Ma torniamo al nostro odore di pioggia estiva, alias “asfalto bagnato”. Che vi piaccia o no, lo avrete tutti ben chiaro in testa. Come lo definireste? Per darne una corretta rappresentazione potreste dire che è: “Petricoroso” ossia “ozonoso, geosminoso e oleoso”. Non vi suona? Perché non riuscite ad associarvi un odore, perché sono parole sconosciute. Vediamo cosa significano.

Petricore Geosmina Odore Pioggia

Petricore è innanzitutto LA parola che descrive l’odore della pioggia o, se vi suona meglio, l’odore della pioggia si chiama petricore.

“Il termine (in inglese petrichor, pronunciato [ˈpɛtrɨkər]) fu coniato nel 1964 da due ricercatori australiani, Isabel Joy Bear e Richard G. Thomas, per un articolo sulla rivista Nature” (Wikipedia)

Ed ecco che arriviamo al punto: al perché la pioggia in estate profuma maggiormente che in inverno, facendo sì che alcuni nasi fini riescano ad avvertire l’avvicinarsi di un temporale semplicemente percependone l’odore nel vento.

Il ruolo dell’ozono

L’ozono, presente naturalmente nell’aria che respiriamo in quantità innocue per la nostra salute può “rompersi”, nel senso che le sue molecole sono formate anche da tre atomi di Ossigeno. Quando d’estate si verificano fenomeni temporaleschi, possono esserci i “fulmini”, scariche elettriche che riescono a rompere i legami con l’ossigeno della molecola e lasciare perciò ozono “libero”, il quale viene trasportato a terra dalle correnti che si verificano durante i rovesci. L’ozono ha un odore che il nostro naso può avvertire con facilità, ed è proprio quello che accade durante un temporale. Potremmo definirlo, per darvi un’idea, come quella nota di “pulito e di fresco” che sentiamo nell’aria dopo la pioggia.

3 maggio 2020 fulmini

Che buon profumo di….batteri!

La seconda parola che abbiamo usato per descrivere il petricore è stata “geosminoso” e questo perché un altro dei fattori che determina l’odore della pioggia è la geosmina, una sostanza prodotta da esseri minuscoli, appartenenti all’ordine dei batteri (genere Streptomyces) che passano le loro vite da batteri nel suolo, dedicandosi a dirla tutta a non moltissime attività. Ma una di queste è la produzione della succitata geosmina, che quando bagnata genera un inteso odore di terriccio. L’intensità è maggiore quando il suolo è particolarmente asciutto perché non piove da molto o perché, come accade d’estate, le alte temperature lo “asciugano” maggiormente e con più rapidità. Potremmo definirlo, per darvi un’idea, come quella nota di “terroso” che avvertiamo mangiando una barbabietola. Anche lei è piena di geosmina!

Petricore Geosmina Odore Pioggia

Oli essenziali che “manco alla SPA”

Terzo e ultimo elemento che rende “profumosa” la pioggia e in particolare quella estiva sono le sostanze che si trovano sulle piante, come possono essere le resine. Se avete la fortuna di abitare o di trovarvi in un luogo con molte piante è indubbiamente più facile che dopo un acquazzone l’aria sia resa profumata grazie alla loro presenza. Potremmo definirlo, per darvi un’idea, come quella nota balsamica tipica dei boschi. Ma visto che si sta parlando anche di parole, forse meglio chiedere aiuto al poeta.

[…] Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani[…]

Petricore Geosmina Odore Pioggia

Leggendo questo passaggio de “La Pioggia nel Pineto” di Gabriele D’Annunzio sembra davvero di sentirli, quegli odori. A riprova del fatto che odori e parole vadano di pari passo, di come il pensiero possa ampliarsi e le cose si possano comprendere meglio grazie alla capacità, tutta umana, di trasformare la realtà in segni universali quali sono le lingue e numeri.

Da oggi, al prossimo temporale che speriamo non si verifichi a breve (visto che l’estate 2021 non ne ha fatto sentire la vacanza, specialmente nel varesotto), potrete stupire amici e conoscenti esclamando “Ah, senti che magnifico odore di petricore!”

Per approfondire:

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore