Quantcast

Orti urbani Sesto Calende: “Con l’alienazione in Via Bacula sacrificata un’area di verde pubblico”

Il gruppo commenta la decisione dell’alienazione dei terreni dedicati per anni agli orti sociali. Dopo un incontro, tuttavia, l’amministrazione ha confermato la volontà di trovare una area alternativa per gli orti

Orti Sociali - Via Bacula

“Dispiaciuti che si sacrifichi un’area di verde pubblico vendendola ai privati”. Il gruppo Orti Urbani Sesto Calende commenta così la decisione da parte dell’amministrazione comunale sestese di inserire i terreni di Via Bacula nel piano delle alienazioni.

La scelta della giunta – discussa anche negli ultimi consigli comunali –  aveva portato negli scorsi mesi a oltre trecento firme di cittadini sestesi per chiedere al sindaco Giovanni Buzzi un incontro sulla salvaguardia dei terreni tra l’Abbazia e San Giorgio, dove da anni vengono curati gli orti sociali.

Svoltosi a fine marzo in via telematica, all’incontro hanno così partecipato i rappresentanti del gruppo, il primo cittadino e altri membri dell’amministrazione sestese, da cui, come riferisce in una nota il gruppo Orti Urbani, è comunque arrivata la conferma della volontà di individuare un’area, sempre di proprietà comunale, che “che risulti avere destinazione urbanistica agricola o come area per servizi e avente dimensione analoga a quella di via Bacula”.

Sempre durante l’incontro con l’amministrazione, il gruppo degli orti urbani ha inoltre ribadito l’esigenza di individuare una o più aree dotate di servizi essenziali all’operatività, nonché di un regolamento: «Sulla tempistica – spiega il gruppo rappresentato da Carmela Valenti, Antonino Marino e Mariangela Piloni – abbiamo sottolineato l’assoluta necessità di progettare in tempi stretti affinché diventi realtà entro fine 2021, dando quindi risposta concreta ai cittadini sestesi senza interrompere un’esperienza in corso da diversi anni».

«Siamo felici che l’azione portata avanti dal Gruppo Orti Urbani di Sesto Calende abbia raggiunto l’obiettivo che si era prefissato: attirare l’attenzione dell’amministrazione e portarla a riflettere sul tema “orti” – concludono i rappresentati, che fanno sapere di aver concordato con l’assessorato un aggiornamento sul progetto entro maggio -. Confidiamo che si raggiunga un risultato concreto, impegno peraltro confermato dal capogruppo di maggioranza (Marco Colombo, ndr) nel consiglio comunale del due aprile».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore