Quantcast

Quasi 800mila euro nascosti e “intercettati” al confine tra Ticino e Vco

Il bilancio di un anno di lavoro del personale dell'Agenzia delle Dogane e dei militari della Guardia di finanza contro il traffico di valuta

Quasi 800mila euro di valuta non dichiarata “in viaggio” tra Italia e Svizzera. È l’ammontare del denaro intercettato, nel corso dell’anno appena concluso, dai funzionari dell’Agenzia delle dogane del Verbano Cusio Ossola, insieme ai militari della Guardia di Finanza.

Durante le attività di contrasto alle frodi e alle violazioni in materia valutaria presso i valichi di confine e la Stazione Ferroviaria Internazionale di Domodossola sono stati scoperti 794.644 euro in varie valute, in possesso di 42 viaggiatori; le usomme erano nascoste in autovetture, nei bagagli e nei vestiti.

I trasgressori, avvalendosi della possibilità di definire in maniera agevolata la violazione, hanno pagato come oblazione oltre 42.000 euro in totale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore