Quantcast

Strada e parcheggio per l’ospedale: “Opere dimenticate?”

I consiglieri Molgora e Oggioni riportano il problema della viabilità in consiglio communale. Il sindaco: «L'intervento non riguarda solo il nostro comune»

ospedale carlo ondoli angera viabilità Quanto tempo dovrà ancora passare prima che il problema della viabilità nella zona dell’ospedale venga affrontato e risolto? È questo il nodo dell’interrogazione discussa ieri sera in consiglio comunale e presentata dai consiglieri di minoranza Alessandro Molgora (Cambiangera) ed Eraldo Oggioni (Lega Nord). L’opposizione è tornata sull’annoso problema della mancanza di un parcheggio e di una via scorrevole per l’accesso all’ospedale Carlo Ondoli chiedendo «quale grado di priorità» è stato assegnato dal sindaco a quest’opera, attesa e richesta da tempo. «Nel piano di programmazione economica per il triennio 2012-2014 – premettono i consiglieri – non vengono previsti fondi da destinare alla realizzazione del parcheggio o della strada di accesso alla struttura mentre è previsto un milione di euro per lo spostamento del campo da calcio. Eppure si tratta di un’opera fondamentale. Sono stati già presi dei contatti con gli altri enti coinvolti come provincia e regione e i comuni limitrofi? Perché  il sindaco non individua una "task force", una squadra specifica, che lavori per risolvere il problema del traffico e dell’accesso al Carlo Ondoli».

«È chiaro che parcheggio e strada per l’ospedale sono opere di primaria importanza e che abbiamo già previsto in sede di Piano dei servizi e Pgt – ha replicato il vice sindaco Luca Tonella -. Confermo che abbiamo acquisito un’area da destinare a parcheggio e individuato un tratto di strada dietro la ex Magnesia per creare l’accesso diretto da via Varesina all’ospedale. L’opera però non riguarda solo il comune di Angera – ha aggiunto – ed è necessario capire quale sarà il coinvolgimento degli enti sovracomunali e la dirigenza dell’ospedale di Gallarate. E comunque, prima di definire l’entità dei fondi, dovremo attendere il completamento di un progetto complessivo». Questo non significa, precisa il vice sindaco, che altre opere siano meno importanti: «Il trasferimento campo di calcio è parte di un "Atu" (ambito di trasformazione urbana) da realizzare attraverso un "programma integrato di intervento" relativo al progetto più ampio del nuovo Porto marina. Nell’ambito di quest’ultimo ci sarà una gara pubblica per l’aggiudicazione dei lavori e di conseguenza lo spostamento del campo sportivo, più le opere connesse, saranno a carico del privato che si aggiudicherà la selezione. Quell’intervento infatti dovrà avere necessariamente anche una valenza pubblica. I soldi indicati nel piano triennale delle opere pubbliche sono relativi ad un costo ipotetico che comunque deve essere indicato nel piano  come prevedono le nuove norme».

«Già due anni fa, in un’assemblea dei sindaci del piano di zona, abbiamo discusso di questo intervento – ha concluso il sindaco Cogliati – e abbiamo presentato agli altri enti locali coinvolti una richiesta di compartecipazione. L’ospedale è di Angera ma serve il bacino dei comuni limitrofi e ci attendiamo perciò un contributo anche dagli altri. Abbiamo da tempo intrapreso contatti con dottoressa Cristina Cantù, direttore generale dell’azienda ospedaliera di Gallarate che e stata ad Angera alcuni mesi fa per presentare gli interventi che riguarderanno il nostro ospedale. Attualmente ci ha richiesto l’estratto di mappa della zona e si è attivata a nome nostro anche presso la Provincia. Per evitare la congestione del traffico è stata inoltre introdotta la nuova viabilità negli orari di uscita delle scuole che permette di evitare il blocco della strada in caso di urgenza». La risposta degli amministratori non soddisfa però i consiglieri dell’opposizione: «Fa riflettere che siano altri attori a portare avanti questa partita – ha commentato Oggioni -. Il comune ha dato delle disponibilità ma ora deve fare un passo avanti altrimenti i problemi resteranno quelli di sempre».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Novembre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore