Quantcast

Pescatori “baby sitter”, l’incubatoio ittico di Maccagno cerca volontari

Non necessariamente pescatori ma semplici amanti dell’ambiente che vogliono dedicare qualche ora alla settimana a preservare la fauna dei nostri fiumi e la natura delle nostre valli

Volontari incubatoio ittico Maccagno Pino e Veddasca

L’incubatoio ittico di Maccagno con Pino e Veddasca e l’Associazione Pescatori Alto Verbano cercano volontari. Non necessariamente pescatori ma semplici amanti dell’ambiente che vogliono dedicare qualche ora alla settimana a preservare la fauna dei nostri fiumi e la natura delle nostre valli.

Una storia importante quella dell’incubatoio ‘La Madonnina’, che dal 1974 si dedica all’allevamento delle specie ittiche del nostro ecosistema come la trota marmorata considerata tra le specie animali in via d’estinzione. Una storia che vuole andare avanti grazie all’aiuto non solo degli storici volontari ma anche di forze fresche, giovani e meno giovani, che possano dare una mano nelle moltissime attività che quotidianamente devono essere fatte per mantenere attivo un riferimento faunistico della provincia.
Questo è il periodo della ‘spremitura’ grazie alla quale, tra qualche mese, migliaia di avannotti di trota andranno ad abitare i fiumi dell’Alto Verbano. Ma prima della loro nascita devono essere messi in pratica diverse attività come la fecondazione delle uova, la cura dei riproduttori e la ‘semina’ in loco. C’è poi l’ordinario nel corso di tutto l’anno, come la manutenzione delle vasche, della struttura, oggi in parte rinnovata grazie ad un intervento di Regione Lombardia e del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca e l’alimentazione degli esemplari che aspettano di diventare maschi e femmine adulti. Insomma, il lavoro è tanto e le braccia (e le menti) non molte.

“Chiunque voglia dare una mano è il benvenuto”, affermano i volontari dell’Associazione Pescatori Alto Verbano. “Tante persone amano l’ambiente e vorrebbero spendere concretamente il loro tempo in sua difesa, questa è un’ottima occasione per farlo. Non serve essere un pescatore o un ittiologo per essere dei nostri, ma con il tempo si possono imparare molte cose, restare affascinati da questo mondo e, soprattutto, essere utili per il futuro benessere del Pianeta. La nostra è una attività che ha molta pratica oltre che teoria e sapere specifico. Anche se solamente incuriositi, vi aspettiamo per conoscerci”.

Per tutte le informazioni è possibile rivolgersi ad Antonio Catenazzi, responsabile dell’incubatoi ittico maccagnese, allo +39 339 14 69 406 dalle 08:00 alle 11:00 o tra le 14:30 e le 19:00. Oppure contattare l’ADS Pescatori Alto Verbano su Facebook. 

Sostenibilità e cultura per riscoprire il pesce di lago del Verbano

 

di roberta.bertolini@varesenews.it
Pubblicato il 25 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore