Quantcast

Torna “Terra e laghi festival”

Un festival di teatro internazionale, transfrontaliero e macroregionale. Dal giugno a novembre 70 spettacoli in tutta l' Insubria e in Eusalp

Generica 2020

Si è svolta oggi la presentazione on line per il lancio della XV edizione di Terra e Laghi Festival.

Tantissime le istituzioni presenti che hanno salutato il festival con grande una gioia e un particolare desiderio di ripartenza. Ha aperto l’ incontro l’Assessore alla Cultura di Regione Lombardia Prof. Stefano Bruno Galli con queste parole: “Giunto ormai alla quindicesima edizione, Terra e Laghi è un festival di teatro unico al mondo. Una rassegna della durata di sei mesi che unisce – sotto l’impulso del teatro – sei stati europei membri della Macroregione Alpina EUSALP, sette regioni italiane e i territori dell’Insubria. Desidero salutare e congratularmi con Silvia Priori, anima di Terra e Laghi, Presidente e Direttore artistico del Teatro Blu. Una vera e propria festa del teatro, con una distribuzione geografica allargata, che si propaga a partire dai territori della Regio Insubrica. Sono convinto che la cultura sia la leva privilegiata per ricostruire la socialità disgregata. Per fare ciò, i luoghi e gli istituti della cultura devono puntare senza esitazioni sull’attrattività. In questo senso, il Festival Terra e Laghi rappresenta un’occasione unica, colta e popolare, per riportare le persone a condividere momenti ed emozioni grazie al teatro. E sono certo che, nel rinnovare la socialità culturale, il Festival Terra e Laghi darà il proprio contributo con grande senso di responsabilità. In
bocca al lupo!”
Tante le testimonianze di stima e di affetto da parte di Sindaci e Assessori ma anche da parte degli artisti invitati verso il Festival e la direzione artistica di Silvia Priori.

C’ è tanta emozione per questa ripartenza.
“Celebreremo tutte le arti! Celebreremo il teatro, la poesia, la danza, la musica, l’ opera lirica e lo faremo attraverso piecè teatrali di altissima qualità!” afferma Silvia Priori, direttrice artistica di Terra e Laghi Festival e di Teatro Blu. “In questo tempo in cui nulla è certo, noi, come funamboli in cerca di equilibrio costruiamo impalcature per scongiurare il crollo di un lavoro che è iniziato tanto tempo fa…. e sono così tanti le emozioni e i ricordi che già non mi stanno più in testa.

Cerchiamo di raccogliere le buone cose che questo tempo lungo ha seminato qua e là…per
presentarci con un nuovo volto, con nuove idee, più appassionati di prima”.
Si parte con speranza e con coraggio per creare una narrazione diversa dalla paura, per creare nuovi legami che ci trovino di nuovo uniti e vogliamo farlo con un’edizione dedicata all’ introspezione, al tornare a se stessi per reimpossessarci del nostro essere, un viaggio interiore, un cammino dantesco che attraversato il deserto ci conduca nuovamente alla luce.
Sarà “Dante”, la nuova creazione di Teatro Blu, a dare avvio il 4 giugno h 21 nella Tensostruttura dei Giardini Estensi a Varese, alla XV edizione di Terra e Laghi, Festival internazionale di Teatro nell’Insubria e nella Macroregione Alpina. Lo spettacolo, che vedrà in scena Silvia Priori e Roberto Gerbolès, accompagnati dalle melodie di Ciro Radice, dal bel canto di Francesca Galante, dalle fotografie di Giacomo Infantino (Light designer di Maha Lorenz), miscela recitazione, narrazione, canto e musica dal vivo e immagini oniriche. “Incontreremo Dante, lo racconteremo e leggeremo alcuni canti tratti dall’ Inferno, Purgatorio e Paradiso della Divina Commedia, la più bella opera che sia mai stata scritta – racconta Silvia Priori – addirittura superiore in lunghezza sia all’ Eneide di Virgilio che all’ Odissea di Omero. Accompagneremo lo spettatore nelle pieghe dell’opera, in un cammino allegorico ricco di sapienza e di illuminazione”. Dante ha saputo concentrare, come un distillatore raffinato, l’essenza di quello che la sua epoca produceva e che pulsava nelle corte del sud della Francia concentrandosi in modo particolare nelle corti di Federico II in Sicilia.

La cultura è un flusso, non un punto d’arrivo. E’ un flusso capace di permeare uomini coraggiosi, che cercano e guardano oltre il comune vivere, aperti ad accogliere il diverso o il nuovo e trasformandosi, trasformarlo. Innamorarsi di quelle pagine, o almeno riprovarci ancora, è un’ urgenza alla qualevdiamo massima priorità in questa nuova e sentita interpretazione. Versi magici, forti di arcanavbellezza per emozionarci e sorprenderci ancora attraverso i Canti da una delle più grandi opere dellavletteratura universale.

Questa XV edizione del Festival sarà dunque dedicata alla celebrazione delle arti attraverso il ricordo di grandi Maestri :

700 anni dalla morte di Dante Alighieri
110 anni dalla nascita del M° Gian Carlo Menotti
100 anni dalla nascita di Astor Piazzolla
101 anni dalla nascita di Federico Fellini

In particolare il tour di teatro Blu in EUSALP sarà dedicato a Dante attraverso un cammino
interiore alla ricerca della luce. Un’ edizione particolare che vuole essere il coronamento di un lungo lavoro che affonda le sue radici in una concezione di cultura e teatro come mezzo di coesione sociale, come cura, come unione, come nutrimento, come risposta.
Ad entusiasmare il ricco programma prestigiosi artisti fra cui: Luigi D’ Elia, Arianna
Scommegna, Matthias Martelli, Rita Pelusio, Nina Dimitri, Silvana Gargiulo, celebri registi
fra cui Eugenio Allegri, Kuniaki Ida, la coreografa Giulia Staccioli, importanti gruppi artistici come la Famiglia Dimitri, i Kataklò, il Gruppo di tamburi Giapponese Kotoji, senza
dimenticare le note compagnie di teatro ragazzi: Teatro del Cerchio, Teatro Evento, Teatro dei

Navigli, Teatro Pan, La Pulce, Gli Alcuni, I Guardiani dell’ Oca, solo per citarne alcuni.
Un cartellone comunque fitto di grandi appuntamenti che racchiuderà Teatro Prosa (Spettacoli che assemblano Teatro d’attore, teatro opera, teatro di narrazione, teatro di ricerca, teatro danza, teatro concerto); Teatro Family (Spettacoli indirizzati a bambini e famiglie) e Teatro Circo (Spettacoli che mescolano l’arte teatrale alle arti circensi, acrobatiche, di mimo, di giocoleria).

Sempre numerose le Istituzioni che contribuiscono alla realizzazione del Festival tra cui spicca Regione Lombardia, Regio Insubrica e Fondazione Comunitaria del Varesotto, 36 i Comuni
dell’ Insubria che ospiteranno gli innumerevoli spettacoli in luoghi di assoluta bellezza: Angera, Arona, Azzate, Besnate, Binago, Brebbia, Cadegliano V., Cannobio, Cardano al Campo, Cassina Rizzardi, Civate, Craveggia, Induno Olona, Jerago con Orago, Lavena Ponte Tresa, Lugano, Luino, Lurago d’ Erba, Maccagno, Malnate, Marchirolo, Meda, Novazzano, Oltrona di San Mamette, Paderno Dugnano, Parabiago, Porto Valtravaglia, Ranco, Santa Maria Maggiore, Saronno, Sesto Calende, Stabio, Tradate, Varallo Pombia, Varese, Varzo.

Circa 70 spettacoli da giugno a novembre di cui una ventina ospitati in alcune città europee della Macroregione Alpina tra cui spiccano Nizza, Venezia, Wolfsburg, Verona, Ginevra, Gressoney La Trinitè, Berna, Trieste, Spittal An Der Drau.
Se da una parte continua infatti lo scambio proficuo con diverse realtà culturali dell’ Insubria, dall’altra si consolida la rete composta da Ambasciate, Consolati, Istituti italiani di cultura e Società Dante Alighieri che anche quest’anno consentirà a Terra e Laghi di proseguire il suo fantastico viaggio attraverso la Macroregione Alpina, nato solo nel 2017 e già diventato parte fondamentale del progetto.

Un festival che da 15 anni mescola e valorizza storie personali e collettive, storie di confine, storie di terre e territori. Nato con l’ idea di diffondere il teatro in tutti i suoi linguaggi, di valorizzare il territorio e di promuovere un turismo culturale nelle aree di confine, ha creato nel suo lungo cammino forti legami e connessioni tra comunità, enti e istituzioni appartenenti a una vasta area geografica, l’Insubria e la Macroregione Alpina. Si è trasformato negli anni in un vero e proprio network internazionale, in una grande comunità in cui convivono e operano con passione una moltitudine di identità talvolta molto diverse, ma unite dal desiderio e dalla necessità di offrire alle persone e al territorio momenti di socializzazione e di emozione.

PROGRAMMAZIONE TERRA E LAGHI 2021

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore