Quantcast

Cittiglio-Vararo, verso la riapertura della strada per i residenti

Ora manca solo un passaggio formale che si concretizzerà con l'ordinanza provinciale che è prevista a breve. Il sindaco ai residenti: “Grazie per la pazienza"

Generica 2020

A quasi due mesi di distanza da quel 3 ottobre che devastò le montagne del Varesotto e in particolare le foreste di faggi e castagni fra Cittiglio e le frazioni montane di Vararo e Casaere (Laveno) riapre ai residenti la provinciale 8.

Si tratta di una strada che si inerpica verso la montagna partendo dal centro storico di Cittiglio e di fatto è il collegamento principale per le comunità che vivono nelle due frazioni montene: l’altra strada è la provinciale del Cuvignone che risulta difficilmente percorribile, specialmente con la brutta stagione.

L’annuncio è stato dato dal sindaco Fabrizio Anzani sul suo profilo facebook: “Come promesso, mi sono incontrato con gli abitanti di Vararo e Casere per preannunciare che, in sinergia con la Provincia di Varese, lunedi 30 novembre verrá aperta la strada Cittiglio Vararo sp8 in determinate fasce orarie per i residenti e autorizzati».

«Sono stati due mesi di intenso lavoro, una corsa contro il tempo per anticipare l’inverno. Voglio ringraziare per questo eccellente risultato, il comune di Cittiglio con gli amministratori e l’ufficio tecnico del comune di Cittiglio e i consulenti di questa task force, la provincia di Varese, la Comunitá montana presieduta da Simone Castoldi, il comune di Laveno Mombello rappresentato dal sindaco Luca Santagostino e Fabio Bardelli, la regione con Alessandro Barozzi, la ditta Bozzolo, Telecom rapprensentato dal Sig. Gnocchi e Enel. Per le riprese con il drone, grazie a Daniele Perozzo e Dania Guggiroli».

«In parallelo i lavori continueranno, in modo tale da migliorare gradualmente la situazione in essere. Grazie agli abitanti per la pazienza, ma come ho ribadito questa mattina, bisogna avere fiducia di chi è in prima linea e non dimentica mai i problemi della gente del proprio paese».

Ora manca solo un passaggio formale che si concretizzerà con l’ordinanza provinciale che è prevista per la giornata di oggi, lunedì 30 novembre.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore