Quantcast

Due anziane truffate in Canton Ticino, la Polizia cantonale invita ad alzare l’attenzione

le truffe sono state messe a segno nel mendrisiotto e nel Locarnese. La refurtiva ammonta ad alcune decine di migliaia di franchi in denaro e gioielli

franchi svizzeri monete soldi

La truffa del “falso nipote” è stata messa a segno ai danni di due anziane nel Locarnese e nel Mendrisiotto. Ne dà comunicazione la Polizia cantonale. La refurtiva ammonta ad alcune decine di migliaia di franchi in denaro e gioielli.

Per quanto riguarda il Locarnese, l’autore ha contattato la vittima per telefono, spacciandosi per un conoscente, richiedendo denaro contante da investire in un’immobiliare. La donna, posta sotto pressione, si è così recata nella sua banca prelevando diverse migliaia di franchi, consegnando poi la somma a un uomo che si è presentato a domicilio.

In relazione a quanto avvenuto nel Mendrisiotto, l’autrice si è spacciata per una nipote della vittima, richiedendo denaro per le cure della madre, ricoverata in gravi condizioni all’ospedale. La donna, posta anch’essa sotto pressione, ha raccolto in un sacchetto i suoi gioielli, consegnandoli poi sulla porta di casa a un uomo, spacciato quale responsabile dell’Ente Ospedaliero Cantonale.

Per evitare sgradite sorprese, la Polizia cantonale invita la popolazione a prestare attenzione e a diffidare da questo tipo di telefonate. Non farsi mettere fretta nel prendere decisioni e valutare attentamente la situazione. Non bisogna poi farsi scrupoli a palesare dubbi sulla situazione con l’interlocutore e non si deve accettare che siano terze persone a ritirare il denaro. È importante infine avvisare tempestivamente la Polizia cantonale al 117.

La polizia ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.
  • Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d’emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.
  • Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!
  • Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.
  • Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
  • Informate i vostri parenti e conoscenti dell’esistenza di questo tipo di truffa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore