Quantcast

Scoppia una barca, Guardia Costiera in azione

Intorno alla barca lesionata panne galleggianti assorbenti per evitare la dispersione di gasolio

Avarie

Erano da poco passate le 11 di lunedì scorso quando al porticciolo di Solcio di Lesa (NO) si è udito uno scoppio provenire da una barca a vela ormeggiata ad uno dei pontili galleggianti della gestione comunale.

Alcuni dei presenti, che nell’udire il suono hanno anche visto due portelli della tuga aprirsi ed essere divelti dalla struttura della barca, hanno immediatamente allertato i numeri di emergenza 1530 della Guardia Costiera e 115 dei Vigili del Fuoco.

Alcuni militari della Guardia Costiera che si trovavano in quegli istanti a bordo delle motovedette del 2° Nucleo Mezzi Navali, con sede proprio nel porticciolo di Solcio di Lesa, allertati dal fumo proveniente dall’altro lato del porto, intervenivano immediatamente sul posto dove di lì a poco giungeva una squadra dei Vigili del Fuoco di Arona che provvedeva a domare l’incendio.

Avarie

Il locale Comando della Guardia Costiera, nell’immediatezza dell’evento, metteva in atto con i propri uomini tutte le procedure atte a scongiurare qualsiasi pericolo di inquinamento conseguente all’incendio.

Gli stessi militari della Capitaneria di Porto provvedevano a circoscrivere lo specchio acqueo intorno all’unità incendiata con panne galleggianti assorbenti. Veniva inoltre disposto l’immediato alaggio dell’unità, che, a causa del cedimento della struttura dello scafo, già iniziava ad imbarcare acqua.

Nel tardo pomeriggio, con l’unità in sicurezza presso lo scalo di alaggio del Cantiere Navale Solcio, il personale dei VV.F. operava un’ispezione a bordo dell’unità incendiata al fine di accertare la dinamica e le cause dell’evento relativamente a cui sembrano da escludersi ipotesi di dolo.

Al momento sono in corso le indagini di rito a cura del Comando del 2° Nucleo
Mezzi Navali Lago Maggiore – Guardia Costiera che, conseguentemente all’incendio, ha notiziato la competente Autorità Giudiziaria.

Giova infine ricordare che, sul tutto il territorio nazionale, è attivo, 24 ore su 24, il
numero BLU 1530, gratuito, per ogni emergenza in mare e sui Laghi Maggiore e Garda.

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 08 Agosto 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore