Quantcast

“Figure di donna nel ‘600”, aperitivi letterari della Rete Museale Alto Verbano

Il 30, 31 maggio e il 1 giugno proseguono gli appuntamenti on line con “Verbano Barocco”

Prosegue on line sul canale You Tube e la pagina Facebook della Rete Museale Alto Verbano la rassegna “Verbano Barocco”, che gode del sostegno di Unione Lago Maggiore e Fondazione Comunitaria VCO. Il prossimo appuntamento si intitola “Figure di donna nel ‘600” e si svolgerà il 30, 31 maggio e il 1 giugno alle ore 17:30. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con gli Amici del Museo di Cannero Riviera, recuperando nella nuova modalità a distanza un’iniziativa che avrebbe dovuto tenersi a marzo, proprio nei primi giorni dell’emergenza sanitaria.

Si tratta di un approfondimento sulla condizione della donna nel ‘600, attraverso tre figure letterarie femminili, che sono la Monaca di Monza e la mamma di Cecilia, personaggi dei Promessi Sposi, e Antonia, la strega di Zardino, protagonista del romanzo di Sebastiano VassalliLa chimera‘, ambientato nella diocesi di Novara.

La proposta è curata dallo scrittore di aforismi, amico e collaboratore dei musei dell’Alto Verbano, Amedeo Ansaldi, che ha voluto selezionare le vicende dolorose di tre donne del Seicento, ispirate tutte a donne realmente esistite; nel tratteggiare questi personaggi sia il Manzoni che Vassalli si sono infatti attenuti, naturalmente con quelle piccole libertà che la creazione letteraria autorizza, a documenti pienamente attendibili.

La proposta, come tutta la rassegna, è legata alla grande iniziativa regionale “Piemonte Barocco”, attorno alla quale la Regione ha chiamato a raccolta tutte le risorse territoriali, per costruire programmi che facessero da corollario a una grande mostra allestita presso la Venaria Reale.

Info: www.unionelagomaggiore.it; rete@unionelagomaggiore.it; 348 7340347

di redazione@vconews.it
Pubblicato il 29 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore