Quantcast

Terre des Hommes lancia la campagna “Una spesa per i bambini” per sostenere le famiglie italiane in difficoltà

Dal 21 al 27 settembre 2020 con il numero solidale 45591 si potrà contribuire alla raccolta fondi promossa dall'associazione che vuole distribuire generi alimentari e beni di prima necessità

poverta mendicanti poveri

La crisi economica causata dalla pandemia di Covid-19 ha aperto ad uno scenario drammatico secondo cui le persone in condizione di povertà assoluta potrebbero arrivare a 9,8 milioni. Per contrastare con urgenza la povertà delle famiglie italiane, Terre des Hommes lancia la campagna di raccolta fondi “Una spesa per i bambini” – per garantire la distribuzione immediata di prodotti alimentari e beni di prima necessità alle famiglie italiane in difficoltà – alla quale si può contribuire dal 21 al 27 settembre 2020 con il numero solidale 45591

La grave pandemia di Covid-19 che ha colpito duramente il nostro Paese, ha purtroppo provocato una duplice emergenza: oltre a quella sanitaria, oggi ci ritroviamo di fronte a una crisi sociale ed economica senza precedenti che, come emerge dai più recenti rapporti di settore, colpisce soprattutto le famiglie più fragili con effetti drammatici sul loro livello di povertà. Se i dati del 2018 dell’Istat1 – gli ultimi disponibili – parlano di oltre 1,8 milioni di famiglie in condizioni di povertà assoluta in Italia, per un numero complessivo di 5 milioni di individui, secondo le ultime stime del Centro Studi UGL, il numero di persone in condizione di povertà assoluta potrebbe raddoppiare, arrivando a 9,8 milioni di individui.

Per fronteggiare questa situazione, Terre des Hommes, charity partner nazionale del progetto SpesaSospesa.org, lancia la campagna “Una Spesa per i Bambini”, in collaborazione con il Banco Alimentare, la rete non profit QuBì, oltre che con il Comitato LAB00 e la piattaforma di food-sharing Regusto: l’obiettivo è quello di contrastare la povertà delle famiglie grazie ad una raccolta fondi che permetta il sostegno ai cittadini ma anche alle aziende italiane del comparto alimentare in difficoltà.
Dal 21 al 27 settembre 2020, si può donare tramite numero solidale 45591 per finanziare l’acquisto e la rapida distribuzione di beni alimentari di prima necessità.

Oggi, purtroppo, risultano allarmanti anche i dati della Caritas che, rispetto al periodo di pre-emergenza coronavirus, ha registrato un aumento di oltre il 100% nel numero di nuove persone che si rivolgono ai loro Centri per beneficiare in particolare di cibo e beni di prima necessità.
Finora solo a Milano sono state distribuite oltre 1.000 spese, ma sono ancora in tanti ad avere bisogno perché, purtroppo, a pagare il prezzo più alto di questa emergenza sono ancora una volta i più vulnerabili.

«La crisi economica causata dall’emergenza sanitaria ha aggravato la vulnerabilità delle famiglie, soprattutto di quelle che già prima vivevano in situazioni molto precarie. A essere più colpite sono le famiglie monoreddito, i genitori separati e le famiglie con più minori a carico, che spesso non hanno neanche cibo sufficiente e risorse per l’acquisto di beni di prima necessità» – dichiara Paolo Ferrara, Direttore Generale di Terre des Hommes. Per questo è fondamentale intervenire subito in loro soccorso, con aiuti concreti ed immediati volti a contrastare la povertà infantile e delle famiglie, affinché il nostro Paese riparta senza lasciare nessuno indietro».

Il valore della donazione tramite numero solidale 45591 sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WINDTRE, TIM, Vodafone, Iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 e 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali e di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile.
La campagna si svolge in collaborazione con Rai Responsabilità Sociale.

Per maggiori informazioni sul progetto e per contribuire anche con altri mezzi, è possibile visitare il sito: www.unaspesaperibambini.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore