Quantcast

Sabato 27 novembre torna nei supermercati la Colletta Alimentare nel segno della solidarietà e della speranza

Dopo un 2020 anomalo, la raccolta di alimenti e beni di prima necessità torna in presenza in 85 punti vendita del nord del Varesotto. Insieme all'associazione Non solo Pane, ci saranno gli alpini di Varese e Luino, la Croce Rossa e la San Vincenzo

colletta alimentare 2021

Una rete di associazioni che rilancia la cultura della solidarietà e crea un vero baluardo alla lotta alla povertà. Sabato 27 novembre torna nei centri commerciali e supermercati del Varesotto la “Colletta alimentare”.

« Si tratta della 25esima edizione – precisa Andrea Benzoni Presidente di Non solo Pane motore della raccolta benefica – anche la nostra città e la nostra provincia sono sempre state in prima fila in quest’iniziativa che richiama la cultura del dono e della solidarietà».

Milleseicento volontari sparsi in tutta la provincia ( 85 puti vendita solo nella parte Nord della provincia), con 47 mezzi per fare da spola e trasportare i beni regalati, torneranno in presenza, dopo l’anno della  pandemia, per raccogliere il frutto della generosità varesina: «Viviamo in una provincia molto generosa – assicura Benzoni- raccogliamo tante testimonianze di calore e grande umanità. Due anni fa avevamo ottenuto beni per 250 tonnellate. Un risultato davvero importante».

La presentazione della 25esima edizione del Banco Alimentare è. avvenuta all’interno del deposito di via Saffi a Varese che oggi è spoglio e vuoto ma che sabato sera sarà colmo di beni di prima necessità, soprattutto alimenti. Questo è l’augurio che si fanno gli organizzatori, ma anche una previsione che poggia sui risultati ottenuti storicamente.

colletta alimentare 2021

Alpini di Varese e di Luino, Croce Rossa e San Vincenzo sono sempre al fianco di Nonsolopane in questa iniziativa in cui crede molto anche l’amministrazione comunale: « Sarà un’occasione per inviare un segno di speranza e ottimismo – afferma l’assessore ai servizi sociali del Comune di Varese Roberto Molinari – dopo quasi due anni di pandemia, con una crisi economica che ancora ci penalizza, questa giornata di solidarietà dovrà esprimere il senso di comunità, la voglia di condividere lo sforzo per ripartire senza lasciare indietro nessuno. Ogni mese, ai nostri sportelli, riceviamo almeno 20 domande di aiuto, che siano alimentari o economici. Ed è così dal giugno dello scorso anno. Il Comune è impegnato a sostenere queste necessità, ma avremmo bisogno di un aiuto da Regione o Governo per avere liquidità da utilizzare per queste esigenze. Quello che fa Il Banco Alimentare, e tutte le associazioni di volontariato, è un aiuto enorme per il sostegno alla fragilità. Riempire questo deposito vuol dire creare un polmone a cui attingere per la domanda crescente».

La pandemia ha acuito i problemi e, soprattutto, ha fatto sprofondare nella povertà chi stava in equilibro precario, arrangiandosi in qualche modo: « Veniamo da un periodo drammatico – commenta Benzoni – L’isolamento in cui abbiamo vissuto ha rotto tanti legami e ha alzato muri soprattutto tra gli anziani, soli e abbandonati a se stessi. La solitudine è una piaga dolorosissima. Le fragilità si trovano ovunque, in modo assolutamente trasversale. Durante il lockdown abbiamo iniziato a sostenere 120 famiglie oltre a quelle che aiutavamo già. 120 nella sola città di Varese». 

Le associazioni che beneficeranno di quanto raccolto sabato sono 42. Quanto raccolto sabato prossimo, se la generosità varesina confermerà il suo valore, permetterà di offrire risposte almeno fino a marzo.  

colletta alimentare 2021

A fare da testimonial all’edizione 2021 della Colletta Alimentare è Aldo Ossola, indimenticato campione di basket con la Ignis che ha deciso di mettersi a disposizione dell’associazione: « Non basta dire o pensare, occorre fare. Mettersi in gioco e iniziare ad agire. Io sono entrato da poco perchè volevo mettermi davvero al servizio della mia collettività».

Tra i volontari con la pettorina, nei supermercati di Varese potremo trovare anche assessori e consiglieri del Comune. Una presenza bipartisan a dimostrazione che la solidarietà non ha colore politico. 

Tutti i volontari saranno dotati di green pass e la raccolta avvera nel rispetto delle norme sanitarie.

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 25 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore