Quantcast

Affini si veste di tricolore davanti al pubblico di Taino

Il corridore mantovano vince il campionato italiano U23 organizzato dalla Cycling Sport Promotion. Niente da fare per l'idolo di casa Covi

edoardo affini campionato italiano ciclismo under 23 taino 2018

Nemo propheta in patria. Una massima evangelica che vale, purtroppo, anche per la grande speranza del ciclismo varesotto, Alessandro Covi, che non è riuscito a conquistare la maglia tricolore nella sua Taino, sede del campionato italiano under 23 del 2018 grazie all’impegno della Cycling Sport Promotion e dell’amministrazione locale.

Il titolo nazionale è infatti andato tra gli applausi di un pubblico numeroso, a un altro atleta molto quotato, il mantovano Edoardo Affini, già maglia rosa per un giorno nel recente Giro d’Italia giovanile. Affini, tesserato per la SEG Racing – formazione olandese – si è imposto sul traguardo tainese al termine di una corsa combattuta e imprevedibile, caratterizzata da tanti attacchi di corridori e squadre differenti.

Il colpo di pedale buono però è stato quello del mantovano che si è involato nel corso dell’ultimo giro in solitaria, a circa 5 chilometri dal traguardo, e ha staccato tutti i rivali. Prima di lui, il più convinto attaccante era stato Pasquale Abenante (Zalf) che aveva provato sia l’azione solitaria, sia a condurre il gruppetto al quale Affini si era unito (Baseggio e Colonna gli altri).
Alle spalle del neo campione d’Italia gli arrivi sono stati spezzettati: a regolare il primo troncone di inseguitori ci ha pensato (a 9″) Alberto Dainese della Zalf Euromobil Desirée Fior, bravo a superare sul traguardo Michele Corradini (Mastromarco Sensi Dover), con Luca Mozzato (Dimension Data) e Andrea Colnaghi (Palazzago) appena giù dal podio.
Fuori dal gruppo principale invece Covi: l’enfant du pays del Team Colpack ha chiuso la prova a 33″ da Affini, in 19a posizione.

campionato italiano ciclismo under 23 taino 2018
Il podio tricolore / foto F. Ossola

Per Affini la maglia tricolore è anche uno splendido regalo per la vigilia del 22° compleanno. «Sono molto felice per questo successo a cui tenevo molto: la gara non si era messa bene ma sono riuscito a recuperare su un gruppo che a metà corsa sembrava aver fatto la differenza fra i migliori. Poi nelle fasi decisive solo al terzo scatto sono riuscito a staccare gli avversari». La vittoria della “promessa” mantovana è ancor più “pesante” se si considera che Affini non aveva con sé compagni di squadra: come spesso capita nei campionati nazionali, chi corre per formazioni estere è costretto a gareggiare in solitaria. Ma il neo-tricolore, evidentemente, ha le qualità per farcela da solo.

Il grande appuntamento con il ciclismo giovanile a Taino però, prosegue domenica con due diverse gare entrambe intitolate “Trofeo Da Moreno” e organizzate dalla Cycling Sport Promotion del patron Mario Minervino. Al mattino spazio alla categoria Allievi, al pomeriggio sfida tra gli Juniores.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 23 Giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore