Quantcast

Referendum, Azione: “Unica riforma seria sarebbe il superamento del bicameralismo perfetto”

Il referendum sul taglio dei parlamentari si avvicina, i comitati locali di Azione organizzano banchetti in provincia di Varese sabato 12 e domenica 13

parlamento

Azione dice “No” al referendum sul taglio dei parlamentari. Il 20 settembre si avvicina e il partito fondato da Carlo Calenda, da sempre contrario a questa proposta di riforma costituzionale, ha organizzato in tutta la provincia di Varese banchetti allestiti dai comitati locali che si terranno sabato 12 e domenica 13.

«Azione voterà convintamente no per due ordini di motivi – spiegano i referenti dei comitati locali tramite un comunicato stampa -. Per ragioni di merito – è una riforma scritta male che indebolisce le istituzioni – e per ragioni politiche. Il Parlamento italiano ha due problemi principali: il primo è la lentezza del processo legislativo e il secondo è la scarsa qualità e la distanza dei nostri rappresentanti. Questa riforma aggrava entrambi gli aspetti, diminuendo il numero di rappresentanti a parità di funzioni».

Secondo Azione infatti, l’unica riforma seria sarebbe il superamento del bicameralismo perfetto, che “consentirebbe maggiore efficienza e anche la riduzione del numero dei parlamentari”. «Come potrà un singolo parlamentare rappresentare oltre 150mila persone? – chiedono i membri di Azioni -. Sulla qualità dei nostri rappresentanti, che dovrebbe miracolosamente migliorare riducendone il numero, avverrà esattamente il contrario. Senza preferenze, i parlamentari verranno sempre scelti dalle segreterie di partito. Potendone eleggere di meno sacrificheranno le poche persone di qualità, indipendenti e della società civile. Aggiungiamo infine che aumenterà il rischio di avere maggioranze diverse, o squilibrate, tra Camera e Senato e quindi la paralisi politica e istituzionale è dietro l’angolo. Sul tema della rappresentanza, l’Italia diventerebbe il Paese europeo in cui c’è maggior distanza tra cittadini ed eletti?»

I banchetti, dove sarà possibile discutere del referendum, saranno presenti a:

Besnate: 13 settembre dalle 8.30 alle 12.00 – Piazza Mazzini

Fagnano Olona: 12 e 13 settembre dalle 8.30 alle 12.30 – Piazza Alfredo Di Dio

Saronno: 12 e 13 settembre – Corso Italia

Sesto Calende: 13 settembre dalle 9.00 alle 13.00 – Viale Italia

Tradate: 12 settembre dalle 9.00 alle 12.00 – Via Truffini

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore