Quantcast

Interreg Italia Svizzera verso il rinnovo con un budget da 145 milioni di euro

Il programma 2021-2027 è stato inviato alla Commissione europea per l'approvazione. Tra gli obiettivi la promozione di cultura e turismo sostenibile, digitalizzazione, economia circolare e sostenibilità

interreg - italia svizzera

Digitalizzazione, economia circolare, sostenibilità, cultura, turismo e tutela della biodiversità. Sono solo alcuni degli ambiti in cui si muoveranno i progetti transfrontalieri che potranno contare sulle risorse dei fondi Interreg. Il programma Italia-Svizzera 2021-2027 presentato dal Comitato di Sorveglianza del Programma di cooperazione vedrà anche questa volta un budget rilevante: 145 milioni di euro di cui 82 milioni stanziati dall’Unione Europea, 20,5 dall’Italia, 40 dalla Svizzera. Il piano finanziario è stato inviato alla Commissione Europea per l’approvazione. 

Gli Interreg rappresentano una delle più importanti leve della cooperazione transfrontaliera con progetti di sviluppo regionale e territoriale che spaziano dalla mobilità alla cultura, dal frontalierato all’inclusione sociale. Il territorio a cui si rivolgono rappresenta una vasta area di confine (750 chilometri), con alcune analogie ma anche profonde differenze, che conta circa 4,4 milioni di persone, di cui 890’000 in Svizzera e 3,54 milioni in Italia.

La misura internazionale coinvolge precisamente le regioni di frontiera tra l’Italia e la Confederazione elvetica e comprende i cantoni Ticino, Grigioni e Vallese e le province di Varese, Como, Lecco, Sondrio, Novara, Vco, Vercelli, Biella, la Regione autonoma Valle d’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige.

“Le principali novità del programma – si legge sul sito dedicato al piano Interreg Italia Svizzera – sono rappresentate dalla volontà di ascolto delle esigenze specifiche dei territori, tenuto conto delle aree funzionali individuabili lungo il confine, e di maggiore coinvolgimento della società civile, anche mediante lo strumento dei piccoli progetti e dei progetti a dimensione finanziaria ridotta, nonché dalle misure di semplificazione degli adempimenti in capo ai beneficiari e alle amministrazioni. Trasversali al Programma saranno i temi della digitalizzazione e dell’economia circolare e si prevede un ruolo di partecipazione attiva dei giovani”.

Questi, in dettaglio, gli obiettivi del nuovo piano di cooperazione Interreg: favorire la ricerca applicata, l’innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate; contribuire al miglioramento delle capacità di adattamento ai cambiamenti climatici, prevenzione dei rischi di catastrofe e maggiore resilienza; promuovere una riduzione dell’inquinamento e la protezione della natura e della biodiversità; realizzare una maggiore integrazione delle reti di trasporto e favorire la mobilità intermodale e sostenibile; consentire la parità di accesso all’assistenza sanitaria e il passaggio dall’assistenza istituzionale a quella su base familiare e sul territorio; partecipare al rafforzamento di cultura e turismo sostenibile; migliorare la governance transfrontaliera; favorire la competitività delle imprese attraverso lo sviluppo dell’imprenditorialità e il finanziamento della ricerca applicata e del trasferimento tecnologico, per la creazione di nuovi prodotti e l’ottimizzazione dei processi produttivi anche in chiave di maggiore sostenibilità; favorire l’integrazione delle catene del valore e la creazione di possibili clusters transfrontalieri di imprese per incrementare i livelli di innovazione e l’efficienza del sistema produttivo; favorire la digitalizzazione delle imprese attraverso il supporto alla creazione di nuove soluzioni, servizi e capacità.

Tutti i dettagli

 

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 02 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore