Quantcast

Renato Pozzetto a pranzo nella sede di Luino dell’Agenzia Formativa

Renato Pozzetto, che ha spesso interloquito coi ragazzi, ha esplicitamente apprezzato l'ospitalità

luino

«Tavolo ribaltabile, taac… sedia rotante, taac… posto per commensali che non ci sono, taac…tonno e grissini per tagliarlo, taac, tac. Ah, questa si che è vita… taac…».

La scena è la mitica evoluzione del parto contadino in città tratto dal “Ragazzo di campagna”.

E ieri presso la sede di Luino dell’Agenzia Formativa i commensali c’erano e tra questi un volto molto conosciuto e molto amato dal pubblico di tutte le età: Renato Pozzetto.

Nonostante il preavviso di poche ore, l’attore e regista, non ha trovato tavoli ribaltabili o sedie rotanti e nemmeno tonno e grissini come menu ma tanti ragazzi super emozionati all’idea di poter preparare e servire il pranzo ad uno dei protagonisti della comicità italiana.

L’attore Milanese, che è anche un ristoratore, è stato accolto con piacere nell’istituto e i ragazzi dei corsi di “Cucina“ e “Sala Bar“, hanno arricchito il menu ordinario della pausa pranzo, con qualche dettaglio che potesse mettere in evidenza le loro capacità servendo a tavola con la professionalità che li contraddistingue e la trepidazione di chi sta accogliendo un personaggio così tanto conosciuto: la preoccupazione di fare qualche gaffe era abbastanza visibile nei volti dei nostri allievi.

Renato Pozzetto, che ha spesso interloquito coi ragazzi, ha esplicitamente apprezzato l’ospitalità. Per fortuna nei saluti finali non è stata pronunciata la celebre frase del film: «Ma è possibile che tutte le volte che muore un gatto tu mi cucini il coniglio?!?»

Al di là dell’ironia, tenuto conto che l’attore spesso frequenta Laveno Mombello, sua città natale, ci auguriamo di averlo ancora nostro graditissimo ospite. Taaaac

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore