Quantcast

Trovate le impronte di un orso sulle montagne della Val Grande

I segni lasciati dal passaggio dell'animale nella neve scoperte da una pattuglia di carabinieri: si tratta di un esemplare arrivato dal Trentino. L'appello: “Non tentare di attirare l’animale in alcun modo, né lasciare cibo"

Generica 2020

Nella mattinata di oggi, martedì 6 aprile una pattuglia di militari del Reparto Carabinieri Parco “Val Grande”, impegnata in attività di monitoraggio del manto nevoso all’intero dell’area protetta, ha rilevato una serie di impronte attribuibili ad un orso.

Si tratta presumibilmente dello stesso esemplare osservato nel corso del 2020 in diverse zone limitrofe al parco nazionale. L’ultima osservazione, durante la quale l’esemplare è stato anche filmato, risale allo scorso autunno in valle Loana, sotto il comune di Malesco. 

L’orso in questione, proveniente dal Trentino, è un esemplare adulto, estremamente schivo.

Lo scorso anno è stato segnalato anche in Ossola e nella zona a sud del parco nazionale. È bene rammentare che qualora dovesse essere incontrato l’animale per natura tende ad allontanarsi, è importante quindi non tentare di attirare l’animale in alcun modo, né lasciare cibo.

Si raccomanda infine di segnalare ai Carabinieri del Parco Val Grande ogni possibile segnalazione di presenza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore