Quantcast

Chiarimento tra sindaco e “sartine”, le mascherine saranno distribuite dalla Protezione Civile

Il sindaco chiarisce la sua posizione: "Le mie parole erano riferite al modo con cui devono essere affrontate le questioni organizzative"

comune sesto calende

Sembra essere rientrato a Sesto Calende il caso della distribuzione autogestita delle mascherine. In una lettera pubblicata ieri, mercoledì 22 aprile, il sindaco Giovanni Buzzi si è infatti espresso a riguardo, specificando che la distribuzione delle mascherine riutilizzabili avverrà attraverso la Protezione Civile.

«Si è conclusa positivamente la vicenda legata alle mascherine prodotte dal gruppo di volontarie di “Mascherine per Sesto” – scrive Buzzi – che ringrazio per la disponibilità a collaborare con il COC (Centro Operativo Comunale) riguardo al sistema di distribuzione. La polemica legata alla mia decisa presa di posizione, occasionata dall’oggetto ma in realtà riferita generalmente al modo con cui devono essere affrontate le questioni organizzative in questi momenti delicati e speciali di emergenza sanitaria, spero si possa definitivamente risolvere con questa bella notizia»

Come indicato dal sindaco, la soluzione, concordata con le sarte sestesi, è quella di distribuire le mascherine riutilizzabili del gruppo di volontarie attraverso l’attività della Protezione Civile. Questo almeno fino al quattro maggio, quando, come scrive Buzzi “si spera che qualcosa cambierà in relazione alle possibilità di spostamento”.

La distribuzione continuerà a essere gratuita, ma occorrerà prenotare il ritiro delle mascherine in Sala Consiliare telefonando (da lunedì a venerdì, con eccezione del primo maggio) ai numeri già dedicati alla consegna gratuita dei kit di mascherine comunali: 334.2173817 e 0331 922166

«Prenotandosi per il ritiro dei kit monouso – spiega Buzzi – si potrà ricevere, se richiesto ed anche solo al momento del ritiro, anche un numero di mascherine riutilizzabili corrispondente al numero dei componenti del nucleo famigliare. Anche in questo caso la distribuzione è “una tantum” per nuclei famigliari ma chi avesse già ritirato il kit comunale di monouso potrà comunque ritelefonare per prenotarsi nuovamente per il ritiro delle mascherine riutilizzabili».

Chi sarà impossibilitato a recarsi in Sala Consiliare, specifica il primo cittadino, potrà naturalmente avvalersi della consegna a domicilio. Insieme alle mascherine verrà inoltre consegnato anche un foglio di istruzioni, realizzato sempre dal gruppo delle “Mascherine per Sesto”.

«In tal modo sarà chiaro di che prodotto si tratta e che il corretto uso è a cura di chi utilizza la mascherina – conclude Buzzi -.  Il COC ha potuto concordare con soddisfazione le modalità di coordinamento con i volontari per questa bella iniziativa. Ringrazio anche per i dispositivi messi a disposizione del comune e delle Forze dell’ordine gratuitamente dal gruppo di volontarie».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore