Quantcast

L’ex sindaco Ponti lascia la maggioranza

Il consigliere fonda il gruppo "Difendere Angera, 16 maggio": «Non condivido le scelte del primo cittadino, non stiamo rispettando le promesse con gli elettori»

vittorio ponti lascia per angeraL’ex sindaco Vittorio Ponti, esce dalla maggioranza e fonda il gruppo "Difendere Angera, 16 maggio". Lo ha annunciato oggi presentando la domanda per formare la nuova compagine, istanza che sarà discussa nel consiglio comunale di martedì prossimo. È lo stesso consigliere, che per due mandati ha guidato la lista "Per Angera" a motivare le ragioni di questa decisione: «Non condivido molte scelte dell’attuale sindaco Cogliati – ha spiegato Ponti -. Non ho approvato il modo in cui sono state affrontate alcune vicende delicate come il caso Catalani, le accuse di conflitto di interesse e soprattutto il consiglio comunale del 26 luglio scorso». Quella serata, particolarmente animata, è  alla base di un’azione legale intrapresa dall’ex sindaco che ha visto coinvolti anche alcuni cittadini presenti in sala: «Sono disposto a ritirare quella denuncia a patto che il verbale venga integrato completamente. Di quel consiglio comunale c’è una registrazione e quarantasette pagine di trascrizioni. Documentano quello che è accaduto, gli interventi, le accuse e le reazioni. Episodi fuori dalle regole che nel verbale non sono presi in considerazione. Io ammetto di avere anche esagerato in alcuni momenti, ma sono stato provocato da chi non ne aveva il diritto e ho replicato. E il sindaco in quel momento non ha preso in mano la situazione. Ho chiesto dunque a un soggetto terzo, la magistratura, di verificare se è vero che il clima rovente ha portato più volte al mancato rispetto del regolamento comunale e soprattutto all’interruzione di un pubblico servizio. Ho chiesto inoltre di fare luce su chi avrebbe dovuto ristabilire l’ordine quella sera». Quella intrapresa da Ponti è però un’iniziativa che il sindaco Cogliati non ha mai sostenuto e forse è stato proprio quest’ultimo mancato appoggio ad aver spinto il consigliere alla fondazione di un gruppo autonomo: «Si chiama Difendere Angera, 16 maggio perchè richiama la data delle elezioni. Per il momento è composto solo da me, è un gruppo individuale ma chi vuole potrà aggregarsi. Vorrei però che sia chiara una cosa: il mio giudizio non riguarda la maggioranza ma il sindaco. È chiaro che è libero di fare le scelte che vuole ma per quanto mi riguarda penso che il suo comportamento sia lontano da quell’azione di continuità che abbiamo promesso agli elettori».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Novembre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore