Quantcast

Turista scomparso, il robot nel lago per cercare il corpo

Dopo due giorni di ricerche da parte di vigili del fuoco e guardia costiera, entra in azione la tecnologia con il robot che dovrà scandagliare il fondale

È entrato in acqua intorno alle 15.30 di giovedì il robot che ha il compito di cercare il corpo dell’uomo scomparso martedì nelle acque del Lago Maggiore. Vigili del fuoco e guardia costiera sono impegnati da due giorni nella ricerca del turista disperso a Maccagno. Ora, l’ultimo tentativo con la nuova tecnologia, con l’utilizzo di un robot subacqueo per poter scandagliare meglio il fondale del lago, in cerca del corpo.
La segnalazione della scomparsa è arrivata intorno alle 15.30 di martedì 9 agosto: da allora le squadre dei soccorritori sono al lavoro. La persona scomparsa è un uomo di nazionalità olandese di 44 anni, in vacanza insieme alla famiglia al Villaggio Olandese di Brezzo di Bedero. E’ arrivato con la famiglia, moglie e tre figli, in riva al lago: i ragazzi sono usciti i gommone, mentre l’uomo si è tuffato in un secondo momento per raggiungere l’imbarcazione. Dopo il tuffo però, non è più riemerso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 Agosto 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore