Quantcast

Sul Maggiore torna il grande tennis: ad agosto la prima edizione della Lesa Cup

"A Lesa i migliori prospetti del panorama mondiale". A distanza di vent'anni dalla mitica Coppa Valerio, il Verbano ritorna un importante palcoscenico del tennis internazionale grazie al nuovo torneo ITF maschile con montepremi da 15mila dollari

Sporting Lesa - Lesa Cup - Tennis

Il tennis internazionale torna sulle sponde del Lago Maggiore grazie alla prima edizione della Lesa Cup. Dal 22 al 28 agosto il Tennis Club Sporting Lesa sarà infatti la cornice del nuovo torneo ITF maschile a distanza di quasi 25 anni dalla mitica Coppa Valerio, che tra gli anni ‘70 e ‘80 ha visto diversi campioni calcare la terra rossa nella cittadina del Vco.

La nuova competizione, nata dalla collaborazione del tennis club con il portale tennistico Tennistalker – che tramite il proprio sito garantirà in tempo reale i risultati dei match – , è stata presentata questa mattina, mercoledì 7 luglio, nella sede del club dal presidente dello Sporting Tennis Lesa Gregorio Marenzi insieme al presidente di Tennistalker Federico Ballarini, il direttore del torneo Tommaso D’Onofrio, il consigliere regionale FIT Giorgio Clavico e il delegato provinciale FIT Dario Bozza.

«Per decenni, grazie a mio nonno Giuseppe Marenzi, Lesa è stata una piccola capitale del tennis – ha spiegato il presidente dello Sporting Tennis Gregorio Marenzi -. Nella nostra lunga storia abbiamo ospitato manifestazioni internazionali di grande rilievo con i più grandi campioni della racchetta, da Rod Laver a Ken Rosewall, da Fausto Gardini a Nicola Pietrangeli senza dimenticare la grandissima Lea Pericoli, oggi con il ritorno del tennis internazionale qui a Lesa, si corona il sogno di riportare il grande tennis sui nostri campi».

A Lesa dunque tanto entusiasmo e voglia di tornare a ricoprire il ruolo di un importante palcoscenico, anche per richiamare l’attenzione di quelli che oggi sono giovani tennisti in rampa di lancio, ma che magari tra qualche anno potrebbero approdare nelle più prestigiose competizioni europee e mondiali, come il Foro Italico o Wimbledon.

Proprio per richiamare professionisti di livello internazionale – anche se una wildcard sarà garantita a un tennista della provincia novarese – la prima edizione della Lesa Cup avrà il montepremi di 15mila dollari., con l’avvio del tabellone di qualificazione previsto per domenica 22 agosto, mentre il tabellone principale del torneo inizierà martedì 24, stesso giorno in cui vedrà il via anche il torneo di doppio. Le finali si terranno invece sabato 28 agosto (doppio) e domenica 29 (singolo). Il Supervisor del Torneo designato è Massimo Morelli, Gold Badge Referee ITF/ATP/WTA, che ha al suo attivo più di 400 tornei professionistici, tre Giochi Paraolimpici e 65 incontri di Coppa Davis.

Lesa Cup - presentazione

«La federazione FIT non può che essere contenta, sono anni che il movimento è in crescita, un esempio su tutti è Berrettini che giocherà i quarti di finale a Wimbledon – ha commentato il consigliere FIT Giorgio Clavico – L’attività in Italia è sempre in crescita, dopo il calcio siamo la seconda federazione che ha più tesserati e si svolgono eventi di importanza mondiale. Ci saranno gli ATP Final a Torino, la partita finale della coppa Davis, abbiamo avuto gli internazionali d’Italia finalmente con un po’di pubblico più altri due tornei 250 ATP a Parma, in Sardegna e finalmente in Piemonte. Quindi, la federazione non può che essere contenta, ci sono dei giovani che stanno venendo fuori come Luca Nardi e altri ragazzi, siamo molto contenti che il Piemonte abbia avuto dei tornei Challenger e questo torneo che richiamerà i grandi tornei del passato dove hanno calcato i campi giocatori diventati fra i primi al mondo con la Coppa Valerio e quant’altro».

«Gregorio ha organizzato il torneo che per anni mancava in provincia di Novara, una provincia molto viva dal punto di vista del tennis – ha voluto sottolineare il delegato provinciale FIT Dario Bozza -. Un luogo del genere merita un torneo del genere».

A concludere il direttore del torneo Tommaso D’Onofrio, interrogato sui posti a sedere disponibili allo Sporting Club di Tennis e se fossero già state assegnate le altre wildcard d’accesso: «Il nostro obiettivo – conclude D’Onofrio che conferma insieme a Marenzi  i 170 posti per i tre campi in terra battuta – è quello di portare a Lesa i migliori giovani del panorama mondiale. Assegneremo le wild card ai giovani di maggiore interesse mondiale, ma con qualche sorpresa».

di marco.cippio.tresca@gmail.com
Pubblicato il 07 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore