Quantcast

Cento candeline a Locarno per la signora Irmgard Cariola

Festa alla Residenza al Lido per il traguardo raggiunto. Il segreto di lunga vita di Irmgard? "Camminare"

centenaria locarno signora Cariola

Giornata di ricca di emozioni, mercoledì scorso, alla Residenza al Lido di Locarno: la signora Irmgard Cariola ha infatti festeggiato il raggiungimento del centesimo anno di età. Per celebrare l’importante traguardo, la signora Cariola ha ricevuto la visita di una delegazione comunale, con alla testa il municipale Bruno Buzzini, che ha portato alla neo- centenaria gli auguri dell’Esecutivo, dell’amministrazione e di tutta la cittadinanza, consegnandole un colorato pensiero floreale.

Nata il 9 novembre 1922 nell’allora cittadina tedesca di Goldap, la signora Cariola si trasferisce in Ticino nel 1958, più precisamente a Losone dove vivrà per lunghi anni assieme al marito. Professionalmente attiva nelle mansioni di segretaria, Irmgard Cariola è sempre stata una donna molto attiva, occupandosi spesso e volentieri anche della manutenzione della casa, dal taglio della siepe a piccoli grandi lavori di manutenzione, come raccontano i nipoti Andrée e Arturo Cariola, che hanno festeggiato la zia assieme a tutto il personale della Residenza al Lido, dove la signora Irmgard risiede da circa undici anni.

Il suo segreto di lunga vita, avendo raggiunto la bellezza delle cento primavere in una forma smagliante? “Camminare, camminare, camminare”, risponde la signora Cariola. “Nella mia vita ho fatto moltissime passeggiate assieme ai miei cani”. Mentre, terminata la parte “ufficiale” della visita comunale, alla domanda se volesse passare all’aperitivo: “Beh, certo!”, ha subito reagito con un piglio da fare invidia al più arzillo adolescente. Alla signora Irmgard Cariola il Municipio di Locarno, assieme ai suoi collaboratori e a tutta la popolazione, rinnova i suoi migliori auguri per il traguardo raggiunto e formula i migliori auspici per altri cento anni da trascorrere in salute. Anche se la stessa signora ha già ribattuto: “Cento, forse no. Ma almeno ancora cinque in forma sì”, dimostrando un’energia e un senso dell’umorismo eccezionali.

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 14 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore