Quantcast

Ispra torna alla ribalta del nuoto con lo Sport Club 12

La squadra agonistica è pronta a partecipare con 20 atleti ai Campionati Regionali Categoria, con diverse speranze per il podio

sport club 12 ispra nuoto

Tra le realtà che hanno ripreso a fare sport in questo periodo – pur facendo attenzione a tutte le limitazioni del caso – c’è anche lo Sport Club 12 Ispra, società che ha l’obiettivo di far rivivere la lunga tradizione natatoria della cittadina che si affaccia sul Lago Maggiore, dove la piscina locale ha fatto crescere generazioni di sportivi.

La squadra agonistica, diretta dall’allenatore Federico Lavacca, si appresta così a disputare i Campionati Regionali Categoria, in vasca da 25 metri, con 20 atleti che scenderanno in acqua in 59 diverse gare. «Siamo orgogliosi di essere presenti con un gruppo numeroso a una manifestazione così prestigiosa – spiega Lavacca alla vigilia – Per molti è l’appuntamento più importante di questa parte di stagione; per altri è una gara di passaggio fondamentale in vista degli Assoluti e dei Campionati Italiani (su base regionale) tra circa un mese».

Lo Sport Club 12 non nasconde alcune ambizioni di podio soprattutto con Marta Bonato, Gianluca
Raffaelli, Davide e Francesco Lazzari. Un drappello di atleti che punta anche a un riscontro cronometrico valido anche per una medaglia nazionale. «Abbiamo una spinta in più grazie alla possibilità che abbiamo avuto di allenarci in casa, senza mai fermarci nonostante l’emergenza Covid – conclude Lavacca – I ragazzi sono carichi e pronti a dare il massimo. Andiamo a finalizzare quello che è stato il lavoro di sei mesi, cercando di portare in vasca le prestazioni migliori possibili».

Soddisfatto, prima ancora che le gare prendano il via, il presidente dello Sport Club 12 Ispra, ovvero Ferdinando Diano: «Per la nostra società è un risultato storico. Portare ben 20 atleti a competere rappresenta un rilancio per la squadra e questo traguardo è frutto dell’impegno di tutti. Mi complimento con i nostri atleti e voglio ringraziare soprattutto i loro genitori, che non ci hanno fatto mai mancare supporto e collaborazione in questi mesi difficili».
Il presidente Diano prosegue «Per Sport Club 12 si tratta anche di una soddisfazione a livello sociale. Mentre sempre più certezze vengono meno, abbiamo consentito ai nostri ragazzi di vivere una quotidianità sportiva nella loro piscina. Vogliamo proseguire così, garantendo quella
continuità di servizio che nello sport agonistico e non solo è determinante».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore