Quantcast

Stato di agitazione in tutti gli stabilimenti Whirlpool. “Non si può più aspettare”

Assemblee retribuite in tutti gli stabilimenti. Fim, Fiom e Uil chiedono un tavolo di confronto con la multinazionale americana e critica il silenzio del governo

I lavoratori della Whirlpool vogliono conoscere il loro destino. Gli annunci fatti negli scorsi mesi dalla multinazionale americana, riguardo la revisione del piano industriale per l’Europa, e la mancata apertura di un tavolo di confronto, nonostante le richieste del sindacato dei metalmeccanici, hanno alzato il livello di tensione nelle relazioni sindacali.
Il coordinamento nazionale di Fim, Fiom e Uilm ha infatti deciso di proclamare lo stato di agitazione e di convocare assemblee retribuite nei 6 stabilimenti Whirlpool in Italia a cui parteciperanno i segretari nazionali. A Cassinetta di Biandronno, dove Whirlpool produce elettrodomestici da incasso, l’assemblea è prevista per il 22 settembre prossimo. A prescindere da qualunque decisione verrà presa dalla multinazionale sulla sua permanenza nell’area Emea, i segnali attuali, secondo i metalmeccanici, sono tutt’altro che rassicuranti: volumi in calo, utilizzo della cassa integrazione e nessuna visibilità sui volumi previsti nei prossimi mesi e sugli investimenti. «Non intendiamo aspettare stupidamente il disastro, chiediamo rispetto per i lavoratori» scrivono in una nota stampa i sindacati.

Il sindacato dà anche una stoccata alla politica e al governo, che «ha scelto il silenzio» di fronte alle richieste delle parti sociali di aprire un tavolo di confronto con Whirlpool corporation.

Whirlpool Emea e la storia di una trattativa mai decollata

TUTTI GLI ARTICOLI SU WHIRLPOOL

di michele.mancino@varesenews.it
Pubblicato il 16 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore