Quantcast

OssolAlpine, quando la montagna è uno stile di vita

Dall’arrampicata alle escursioni, dal canyoning alle ciaspolate. Le guide alpinistiche propongono attività per far conoscere le sette valli dell’Ossola, il Verbano e le cime del Monte Rosa

OssolAlpine Neve

«Se non scali la montagna non ti potrai mai godere il paesaggio» Così scrisse il poeta cileno Paolo Neruda. Parole, quelle del premio Nobel alla letteratura del 1971, che rappresentano anche il cuore della di OssolAlpine, il gruppo di guide alpinistiche con la passione per la montagna e l’obiettivo di far conoscere le valli piemontesi dell’Ossola e del Lago Maggiore a 360 gradi. Attività all’aria aperta in inverno così come in estate, dall’arrampicata alle ciaspolate, dal canyoning nei torrenti alle escursioni lungo tutte le sette valli dell’Ossola e del Verbano.

Galleria fotografica

Gli scorci e i panorami di OssolAlpine 4 di 9

«La nostra storia è fatta di oltre quarant’anni anni di montagne – spiegano i tre fondatori di OssalAlpine, Silvano Moroni, Alberto Giovanola e Carlo Tabarini-. Siamo partiti dall’Ossola, la nostra casa e qui siamo tornati dopo che ognuno di noi ha seguito la sua “via”. Chi sui grandi ottomila dell’Himalaya, chi sulla Cordillera Andina, chi arrampicando sulle rocce e pareti di mezzo mondo, tutti camminando sui sentieri dei “popoli”. Abbiamo poi attraversato deserti e foreste, siamo giunti fino in Papua Nuova Guinea ma non ci siamo dimenticati del Circolo Polare Artico e soprattutto delle nostre stupende Alpi.

E così dopo un lungo cammino, adesso un nuovo grande obiettivo per continuare a trasmettere la passione agli amanti della montagna, della sua energia e di quell’aria così pura e fresca: «Oggi vogliamo mettere a disposizione di tutti coloro che vorranno venire con noi, la nostra esperienza e far gioire anche loro dei panorami, delle albe, dei tramonti e di quanto la montagna, ma soprattutto la Natura in genere, sa offrirci. Il tutto insegnando a muoversi in modo corretto e sicuro e soprattutto a “tornare a casa”».

A raccontarci qualcosa in più su OssolAlpine è uno dei tre fondatori, Silvano Moroni, dal 1984 istruttore prima e poi guida di sci alpino, protagonista di centinaia di scalate sulle vette del mondo. Imprese che Silvano, a partire da metà anni ’90, ha poi raccontato in articoli di giornale, riviste di settore e libri, fra cui l’ultima fatica “Nepal, frammenti dal Mondo” (Edizioni Nomàd): 96 pagine ricche di illustrazioni per rompere il ghiaccio e addentrarsi per la prima volta in una terra incantevole attraverso i sentieri humalayani.

«I territori dell’Ossola – racconta Silvano – sono ricchi di opportunità e di meraviglie che meritano di essere scoperte. Questa è stata la nostra idea alla base di OssolAlpine, che di recente è diventata un ASD, ovvero associazione sportiva dilettantistica».

Nonostante l’emergenza coronavirus, in poco più di due anni l’associazione ha già raccolto un ampio bacino di utenti composto da sportivi e curiosi provenienti, in particolar modo dal Milanese e dal Varesotto, oltre naturalmente al VCO: «Le nostre attività e iniziative non devono essere considerate come “un ostacolo” per tutte quelle realtà presenti da anni sul territorio, bensì il contrario: vogliamo portare e far conoscere l’Ossola a nuove persone a queste valli, partendo da tutti i nostri contatti che in passato hanno avuto delle esperienze con noi».

di marco.cippio.tresca@gmail.com
Pubblicato il 16 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Gli scorci e i panorami di OssolAlpine 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore