Capretto sbranato sulle alture del Verbano

Dubbi sulla predazione del lupo o dell'orso

Capretto sbranato al Pian Vadà (monte Zeda) sulle alture del Verbano. L’animale fa parte della mandria dell’allevamento di Mauro Morandini.

È’ successo nella mattinata di venerdì. La novità, stando agli allevatori è che non si tratterebbe di un attacco del lupo. Come successo in altre occasioni ma dell’orso. Rinvenuta la carcassa dell’animale, Morandi ha denunciato il fatto alla Polizia Provinciale che assieme ai Carabinieri Forestali hanno effettuato un sopralluogo.

“Al momento non abbiamo dati per confermare si tratti di un attacco dell’orso. In zona non abbiamo trovato riscontri oggettivi. La stessa testimonianza dell’allenatore non dà certezza” il commento di Riccardo Maccagno, comandante della polizia provinciale del Vco. Insiste il Comitato salvaguardia allevatori : “Secondo noi non è una predazione da lupo perché guardando attentamente le foto si vede bene la pelle tirata, le costole spezzate e non c’è la spina dorsale”.

L’associazione degli allevatori sostiene che Mauro Morandini abbia anche avvistato l’orso e per evitarlo abbia dovuto trovare rifugio in una baita vicino al rifugio Pian Vadà. I fatti si sarebbero svolti nella stessa mattinata in cui l’orso è stato avvistato ad Oggebbio. Ipotizzabile lo spostamento dell’animale lungo le valli del Verbano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore