Quantcast

“Pusher a domicilio” denunciata dai Carabinieri di Stresa

Nel vano motore 53 grammi di hashish, quasi due grammi di cocaina e un grammo e mezzo di eroina

“Pusher a domicilio” denunciata dai Carabinieri di Stresa. Una ragazza di Gignese, classe 1986, è stata fermata dai militari nella serata di mercoledì a Brovello Carpugnino, in una via secondaria, a bordo della sua macchina.

Visto l’atteggiamento nervoso, i militari hanno deciso di procedere con la perquisizione. Addosso non aveva nulla, ma nel vano motore dell’auto, nascosto nell’alloggiamento della batteria, c’era la droga. I carabinieri hanno trovato 53 grammi di hashish divisi in cinque dosi, quasi due grammi di cocaina e un grammo e mezzo di eroina. Dai contatti sul cellulare, messaggi e chiamate, i militari sono risaliti ai consumatori di stupefacenti, tutti della zona del Vergante.

La ragazza è stata denunciata per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. La polizia locale del Vergante l’ha multata per essere uscita senza giustificato motivo e con la recidiva: era infatti la terza volta. La prima volta l’avevano fermata sempre i vigili in zona. La seconda invece è stata fermata a Cislago, in provincia di Varese. Aveva firmato l’autocertificazione dicendo di dover sostenere un colloquio di lavoro. Dichiarazione risultata falsa, che le è costata anche una denuncia. La sanzione mercoledì sera, data la recidiva, è stata di mille euro.

di redazione@vconews.it
Pubblicato il 09 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore