Quantcast

Vandali nell’oratorio di Travedona. “Sono figli della noia”

Il prevosto ha già chiesto un incontro ai genitori. "Forse è una richiesta di attenzione. Ma i beni e i valori condivisi vanno rispettati"

varie

Scritte ingiuriose con lo spray su mobili e tavoli, estintori divelti e schiumogeno sparso sui pavimenti, serrature spaccate e bagni rovinati. Durante la notte i vandali hanno fatto visita all’oratorio di Travedona.
«Stiamo prendendo un pò di provvedimenti, ma prima di passare alle vie legali vorremmo incontrare direttamente i genitori per affrontare insieme quanto è avvenuto» dice don Luigino, prevosto di Travedona, arrivato in paese nel 2019. «Sono bravate  non certo piacevoli – continua il prevosto -. Forse sono gesti che celano una richiesta di attenzione da parte di questi ragazzi che a volte agiscono anche per vincere l’ozio e la noia».

varie
scritte sui mobili

L’oratorio, così come la chiesa, non è provvisto di un sistema di videosorveglianza ma si evince chiaramente dalle parole di don Luigino che i vandali sono ben noti all’interno della comunità parrocchiale di Travedona. Il raid all’oratorio non è infatti un episodio isolato. Nel recente passato a farne le spese è stato un braccio della statua della Madonna.  «Spero che da questo incontro ci si possa rigenerare – conclude don Luigino – I ragazzi devono capire che è importante avere dei progetti e rispetto per i valori e i beni condivisi».

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 13 Agosto 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore