Quantcast

“Canonica e dintorni”: grazie ai giovani di Asilo Mariuccia Brezzo di Bedero si veste di luce

Mercoledì 18 maggio si è tenuta l'inaugurazione del percorso storico naturalistico rilanciato dai ragazzi del Laboratorio Educazione al Lavoro. Grandi soddisfazioni e nuove forze creative: questo il mood della mattinata

Generica 2020

Una mattinata all’insegna della collaborazione, condivisione e voglia di progettare, quella che si è tenuta mercoledì 18 maggio alla Canonica di Brezzo di Bedero, in occasione dell’inaugurazione del nuovo percorso storico naturalistico rilanciato e sistemato dai giovani del Laboratorio Educazione al Lavoro della Fondazione Asilo Mariuccia di Porto Valtravaglia.

La giornata molto calda e l’incantevole paesaggio che si gode dalla Collegiata di San Vittore hanno contributo a rendere il momento della presentazione del progetto ancor più speciale. Ma la vera luce, con cui mercoledì Brezzo si è vestito, è stata regalata da tutti i giovani presenti, che con impegno hanno collaborato alla realizzazione di questo meraviglioso intervento di rivalorizzazione della “Canonica e dintorni”.

Al taglio del nastro erano presenti il sindaco di Brezzo di Bedero Daniele Boldrini, il sindaco di Porto Valtravaglia Ermes Colombaroli, il vicepresidente di Comunità Montana Valli del Verbano e docente del Carlo Volontè Marco Fazio, il generale Camillo De Milato, presidente dell’Asilo Mariuccia, Barbara Bianchi Bonomi del CdA della Fondazione e don Luca Ciotti.

Nell’aria c’era grande soddisfazione, soprattutto per la responsabile Area dell’Asilo Mariuccia di Porto Valtravaglia Manuela Comi: «Questo è il primo progetto supportato da una decina di partner e il primo che ci ha permesso di metterci in rete con il territorio. Ha dato l’opportunità ai ragazzi del nostro laboratorio, servizio che funziona da oltre vent’anni, di fare qualcosa per la comunità».

Come dimostrato da “Canonica e dintorni”, in un mondo sempre più interconnesso le potenzialità delle reti territoriali sono una risorsa fondamentale per la valorizzazione e promozione dei territori stessi.  «E’ molto importante la rete che abbiamo creato attorno a “Canonica e dintorni”, con l’Anffas, la Costa Sorriso, le scuole e le istituzioni – ha infatti tenuto a sottolineare il responsabile del Laboratorio Angelo Bonfanti – è una rete che punta a valorizzare il territorio, la sua storia e arte, ma soprattutto le persone».

Al fianco dei giovani della Fondazione anche tre studentesse dell‘Isis Carlo Volontè di Luino che, in rappresentanza delle loro classi, hanno raccontato gli aspetti e i luoghi più significativi di questo percorso: contenuti creati e curati da loro, disponibili sulla nuova App “Canonica e dintorni”, che potete scaricare cliccando qui. 

«I testi che le due classi quinte hanno predisposto, visionabili tramite QR all’interno della Canonica – ha raccontato Marco Fazio, in veste sia di docente del Carlo Volontè che di vicepresidente di Comunità Montana Valli del Verbano – accompagneranno i turisti lungo tutto questo meraviglioso percorso. Dopo questi due difficili anni, è stata una proposta davvero interessante per gli alunni, perché ha dato loro l’opportunità di conoscere meglio questo luogo e utilizzare tecnologie sempre più avanzate nell’ambito del turismo».

La mattinata si è poi conclusa presso il Centro Culturale “Casa Paolo”, dove ad attendere i partecipanti c’era un ricco e colorato rinfresco offerto dalla cooperativa “Costa Sorriso” e un piacevole accompagnamento musicale.

di ilarianotari2001@gmail.com
Pubblicato il 18 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore