Quantcast

8, 9 e 10 ottobre rievocazione della “Maccagno Imperiale“ tra storia e leggenda

Tre giorni di eventi che toccheranno una grande varietà di temi, dall'artigianato alla cucina, dalla medicina alla musica, dall'arte alla natura, dallo sport al teatro. Ecco tutto il programma

Generica 2020

La storia non si impara solo sui libri e la si può vivere e ascoltare anche per le strade e nelle piazze. Maccagno Imperiale continua infatti a raccontare in un modo un po’ speciale la sua storia: i 600 anni di privilegi come feudo imperiale, le preziose monete uscite dalla sua zecca nel Seicento, i segreti del suo castello, della torre imperiale e dei suoi vicoli, le sue tradizioni. Il paese vanta un passato che mescola storia e leggenda.

Fu insignito del titolo di città Imperiale da Ottone I imperatore del Sacro Romano Impero, a seguito del suo salvataggio nelle acque del lago nel 962 d.C. da parte di alcuni maccagnesi.

Come ogni leggenda, questo racconto porta fuori dall’oblio anche qualche dato storico: per secoli Maccagno ha goduto di fatto di un privilegio imperiale di indipendenza dagli altri feudi e dinastie e del diritto di battere moneta. Questa è la scintilla che accende la fantasia per ricondurci al tempo di quello che, ben lungi dall’essere il periodo dei secoli bui, rappresentò invece l’inizio della modernità.

Come afferma Umberto Eco: «Il Medioevo inventa tutte le cose con cui ancora oggi stiamo facendo i conti, come le banche e la cambiale, la struttura dell’amministrazione e della politica comunale, la diatriba tra Stato e Chiesa, l’università, il processo indiziario, l’ospedale e il vescovado e persino l’organizzazione turistica. Sostituite le Maldive con Gerusalemme e avete tutto, compresa la guida Michelin».

Insomma, le invenzioni dell’Età di Mezzo hanno cambiato il mondo. Questa è proprio la riflessione che con la rievocazione storica “Maccagno Imperiale – Tra storia e leggenda” vogliamo evidenziare: creare un incontro annuale per raccontare e comprendere le nostre origini, per scoprire la nostra storia e provare a riconoscerci. Tre giorni di eventi, dall’8 al 10 ottobre, che toccheranno una grande varietà di temi, dall’artigianato alla cucina, dalla medicina alla musica, dall’arte alla natura, dallo sport al teatro. Il fitto programma vedrà alternarsi rappresentazioni teatrali itineranti, conferenze, concerti, giochi, attività didattiche e momenti conviviali adatti per tutta la famiglia. Durante il Palio si sfideranno giovani e adulti in giochi storici come la corsa nei sacchi o il tiro alla fune, arcieri esperti accompagneranno le nuove leve con dimostrazioni e prove pratiche. Allevatori di rapaci ci spiegheranno gli aspetti etologici e storiografici e sensibilizzeranno a una detenzione responsabile.

I pranzi e le cene, rigorosamente con ricette medievali, saranno occasione di scoperta degli alimenti dell’epoca. Si avrà l’opportunità di ascoltare le parole di docenti e studiosi durante le conferenze su temi come la medicina e la numismatica, di appassionati artigiani che ci introdurranno alle arti manuali o di simpatici giullari e personaggi itineranti che ci porteranno in modo giocoso e ironico in un tempo lontano che ha segnato la nostra storia.

PROGRAMMA:

Venerdì 8 ottobre

ore 17:30
Chiesa della Madonnina: presentazione Rievocazione e Palio dei Borghi, presentazione squadre, benedizione dei partecipanti alla presenza delle istituzioni
ore 18:00
Chiesa della Madonnina: conferenza “Maccagno Imperiale e le sue monete”con l’Ing. Luca Gianazza e Federico Crimi; anteprima “L’antico Statuto di Maccagno”con Federico Crimi,storico del territorio
ore 19:30
Albergo Torre Imperiale: cena medievale con Federico Roveroni, esperto di alimentazione medievale

Sabato 9 ottobre

ore 10:00
Visite guidate del borgo medievale con Elisabetta Cornolò, Federico Crimi e Maurizio Isabella (partenza p.zza Santo Stefano ore 10:00,10:20,10:40,11:00,11:20,11:40)
ore 15:30
Piazza Roma/porticciolo: rappresentazione teatrale dello sbarco dell’Imperatore con corteo con musicisti e sbandieratori fino in piazza Santo Stefano
ore 17:30
Sede Ass. Solidarietà: conferenza “Curarsi nel Medioevo”con il Prof. G. Armocida
ore 19:30
Sede Ass. Solidarietà: cena con l’imperatore Ottone I, intermezzi medievali con la compagnia “La Rossignol”

Domenica 10 ottobre

ore 10:00
Oratorio: apertura Palio dei Borghi alla presenza dell’Imperatore
ore 12:30
Cittadella: pranzo contadino
ore 14:30
Oratorio: Proseguimento Palio e chiusura con premiazione da parte dell’Imperatore
ore 16:00
Sede Ass. Solidarietà: conferenza dell’ Ass. Italia Medievale, “Di lago in lago: Ottone I tra Maccagno e l’Isola di San Giulio d’Orta” con la Prof.ssa Simona Gavinelli, “Come nasce una dinastia: la famiglia Mandelli e l’imperatore Ottone I” con il Dott. Antonio Manco, “Maccagno e gli “Ottoni” tra storia e leggenda”con la Dott.ssa Elena Percivaldi. Moderatore Federico Crimi
ore 18:00
Chiesa Santo Stefano: introduzione sulla musica e gli strumenti medievali con il M° Marcello Serafini
ore 18:30
Chiesa Santo Stefano:concerto di Ensemble 400

Inoltre, nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 saranno presenti per le vie, nei cortili e nelle piazze del borgo, banchi didattici di artigiani medievali, falconeria didattica, giullari,musici e teatro itinerante d’improvvisazione. La partecipazione a tutti gli eventi sarà gratuita (solo pranzi e cene saranno a pagamento) e per gli eventi che si svolgeranno in aree delimitate sarà necessario avere il green pass. Si ricorda che è obbligatoria la prenotazione per visite guidate, conferenze, concerti, pranzi e cene da effettuare allo 0332/562009 o a info@prolocomaccagno.it

La manifestazione è organizzata dalla Pro Loco Maccagno, con il patrocinio del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca e del Ministero della Cultura. Gli eventi si svolgeranno anche in caso di maltempo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore