Quantcast

Le regioni del bacino padano chiedono misure straordinarie per la qualità dell’aria

Gli assessori regionali hanno chiesto di bilanciare le esigenze di natura ambientale e di miglioramento della qualità dell’aria con quella di natura economico-sociale

inquinamento satellite

Le Regioni del bacino padano chiedono al Governo di prevedere misure straordinarie per la qualità dell’aria che consentano nel contesto della crisi e della conseguenza della condanna europea di poter alleggerire la pressione sui cittadini.

Inoltre, segnalano la propria preoccupazione in vista dell’emanazione della nuova Direttiva sulla qualità dell’aria e chiedono al Governo un impegno nei confronti della Commissione Europea per rappresentare la specificità della situazione italiana ed in particolare quella del bacino padano.

È quanto hanno concordato gli assessori regionali all’Ambiente Gianpaolo Bottacin (Veneto), Raffaele Cattaneo (Lombardia), Matteo Marnati (Piemonte) e Irene Priolo (Emilia-Romagna), incontratisi in videoconferenza per fare il punto sulle misure per la qualità dell’aria, già avviate in Piemonte dallo scorso 15 settembre, anche alla luce della grave crisi energetica e della conseguente crisi socio-economica, che avrà riflessi duraturi nel tempo.

Gli assessori hanno ricordato gli sforzi compiuti, in un lavoro coordinato a partire dal 2005 e come da tempo ci sia un’azione comune delle quattro Regioni attraverso la sottoscrizione dell’Accordo di bacino e i provvedimenti conseguenti sul traffico, sugli impianti di riscaldamento e le emissioni in agricoltura. Un lavoro che ha portato ad un miglioramento progressivo della qualità dell’aria. Al riguardo, hanno manifestato la necessità di tenere in equilibrio le esigenze di natura ambientale e di miglioramento della qualità dell’aria con quella di natura economico-sociale, in un momento di difficoltà grave per famiglie, enti e imprese.

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 03 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore