Quantcast

Metodi contraccettivi: il dr Danilo Centrella, urologo e andrologo, parla delle tre tipologie

Nel Podcast "Pillole della Salute", il medico chirurgo, direttore della struttura complessa di urologia del Verbano Cusio Ossola, parla della malattia infiammatoria delle pelle

varie

La pillola di salute del dottor Danilo Centrella, medico chirurgo specializzato in urologia e andrologia e direttore della struttura complessa del Verbano Cusio Ossola, parla di una tra le dermatiti più fastidiose: la psoriasi.

ASCOLTA IL PODCAST

Abbiamo parlato di infezione sessualmente trasmissibile del papilloma virus ed è giusto che parliamo, senza entrare in discorsi di tipo moralistico religioso, dei metodi anticontraccettivi, perché, il sistema sanitario nazionale, anzi quello mondiale, dice che lo stato di salute non è solo un benessere fisico, ma anche psicologico e sociale. Quindi, la sessualità, con il rischio di una gravidanza indesiderata, toglie questo stato di salute. La contraccezione è tutto l’insieme dei metodi usati dalle coppie per evitare che l’attività sessuale, che sia abituale o occasionale, dia un concepimento indesiderato.

Storicamente, ci sono molti sistemi anticoncezionali che possono essere distinti in tre grosse categorie: i metodi naturali, i metodi a barriera e i metodi ormonali.

Quelli naturali sono quelli di cui abbiamo spesso sentito parlare, ad esempio il metodo Ogino-Knaus che è quello che utilizza il periodo dell’ovulazione per valutare periodi maggiormente fertili da quelli meno fertili. Noi sappiamo che dall’undicesimo al diciottesimo giorno dall’ultimo ciclo è il periodo in cui c’è la massima ovulazione, quindi bisogna evitare i rapporti, oppure favorire i rapporti se ci vuole un concepimento. Oppure il metodo della temperatura corporea: noi sappiamo che la fase ovarica è quella con la temperatura corporea più bassa nella donna, mentre quella progestinica è più alta. Quindi, bisogna avere rapporti durante la fase di  più alta temperatura corporea rispetto a quella bassa temperatura corporea. Oppure, il metodo, che viene utilizzato, è quello di Begins che è quello del fluido, fondamentalmente è il filamento del muco vaginale perché nel periodo ovulatorio è più fluido.  Tutti questi sono metodi naturali con una bassa percentuale di successo nel concepimento, ma un’altra percentuale di successo in chi ricerca una gravidanza. Essendo completamente naturali, è il metodo più utilizzato anche da chi ha una moralità o ha dei dogmi, delle motivazioni religiose.

Poi ci sono quelli a barriera che sono quelli maschile o femminile : sappiamo che c’è il diaframma che è una specie di involucro della cervice uterina per evitare la risalita degli spermatozoi;  oppure le creme spermicide, le spugnette spermicide che possono essere utilizzate. Ma quello che è maggiormente utilizzato è il preservativo maschile, che non solo evita le gravidanze indesiderate, ma, soprattutto, è l’unico che evita le malattie sessualmente trasmissibili. D’altro canto, ci sono i mezzi di ormonali di tutti i tipi, estoprogestinici, che inibiscono la stimolazione dell’asse ipotalamo-ipofisario, quindi evitano la stimolazione ovarica e vanno presi per bocca per tre settimane e una settimana di stop, oppure con delle applicazioni di tipo vaginale come oppure i cerotti transdermici oppure anche quelli che adesso vengono detti Fit and Forget che sono gli impianti sottocutanei, ad esempio che possono essere dosati da tre settimane a tre mesi e addirittura tre anni. 

E poi tutti i sistemi che non sono contraccettivi ma sono intraccettivi, quelli come le spirali, che possono essere medicati con estroprogestinico, oppure la spirale con il rame che inibisce le risalita degli spermatozoi.

Quindi, alla domanda c’è un sistema anticoncezionale ideale? No. Non esiste un sistema anticoncezionale ideale ed è per questo che la coppia, dalla giovane coppia a quella più stabile, deve parlarne col medico, col ginecologo per valutare, nel suo stato di salute, nel suo feeling sessuale, se, nella sessualità di coppia, ha la necessità di una maggiore protezione per le gravidanze indesiderate o no.

Qual è l’unico sistema che evita anche le malattie a trasmissione sessuale? È il preservativo, usato correttamente perché l’utilizzo corretto è la cosa più importante per valutare la propria sessualità. C’è un sistema anticoncezionale garantito al 100%? No, noi scherziamo dicendo solo l’astinenza sessuale è il metodo anticoncezionale più garantito. Però, attualmente, abbiamo un sistema di tailoring, cioè sartoriale, che può dare un feeling della coppia in ogni fase del proprio rapporto con partner stabile o con partner occasionale.

Chi volesse maggiori informazioni può visitare il sito del dottor dottor Danilo Centrella, medico chirurgo, specializzato in urologia e andrologia e direttore della struttura complessa di urologia del Verbano Cusio Ossola www.danilocetrella.it.

Per ascoltare le altre Pillole di Salute clicca qui

di redazione@verbanonews.it
Pubblicato il 11 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore