Coronavirus, 87 nuovi contagi e 15 decessi in Piemonte

I dati di oggi in Piemonte: superati i 30.000 casi totali di coronavirus. Crescono i pazienti virologicamente guariti: 14.423 (+669 rispetto a ieri)

coronavirus

Sono 30.007 (+87 rispetto a ieri) le persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte, così suddivise su base provinciale: 3835 Alessandria, 1767 Asti, 1029 Biella, 2720 Cuneo, 2652 Novara, 15.349 Torino, 1267 Vercelli, 1102 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 257 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi e 99 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 79 (-4 rispetto a ieri), i ricoverati non in terapia intensiva 1414 (-65 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 6959. I tamponi diagnostici finora processati sono 276.633, di cui 152.729 risultati negativi.

Sono 15 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui al momento registrato nella giornata di oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid).

Il totale è ora di 3.757 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 626 Alessandria, 223 Asti, 200 Biella, 355 Cuneo, 325 Novara, 1662 Torino, 204 Vercelli, 125 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 37 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 14.423 (+669 rispetto a ieri), così suddivisi su base provinciale: 1347 (+40) Alessandria, 621 (+38) Asti, 624 (+37 ) Biella, 1486 (+66) Cuneo, 1302 (+71) Novara, 7538 (+340) Torino, 643 (+16) Vercelli, 740 (+59) Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 122 (+2) provenienti da altre regioni. Altri 3.445 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore