Presentato in Prefettura il progetto "Gente di Lago e di Fiume"

E' stato presentato ieri mattina in prefettura il progetto "Gente di Lago e di Fiume", alla presenza del prefetto del Vco Iginio Olita, il presidente dell’Associazione Gente di Lago e di Fiume Marco Sacco, il vice presidente Angelo Ruffoni e il direttore operativo Monica Colla.

L’iniziativa, nata su impulso dello chef due stelle Michelin Marco Sacco, ha l’obiettivo di difendere e ridare dignità all’habitat complesso e poco conosciuto delle acque interne.

Presenti alla conferenza stampa anche il Commissario italiano per la pesca nelle acque italo-svizzere Marco Zacchera, il direttore di esercizio di Navigazione Lago Maggiore, Gian Luca Mantegazza, il sindaco di Verbania Silvia Marchionini, il presidente del Distretto turistico dei Laghi Oreste Pastore, il commissario della Fondazione Cariplo Francesca Zanetta e il responsabile Retail di Borgomanero di Intesa-Sanpaolo Paolo Sulas.

 

Il primo evento dell’Associazione Gente di Lago e di Fiume è in programma il 7-8 ottobre sull’Isola dei Pescatori, piccola perla del Lago Maggiore.

 

«Abbiamo bisogno di queste iniziative perché valorizzare i laghi e i suoi prodotti può dare sviluppo al territorio e il territorio cresce solo con la collaborazione tra privati e istituzioni - ha sottolineato il prefetto del Vco, Iginio Olita -È necessaria una sinergia e quando ciò avviene il successo della manifestazione è garantito».

 

«Gente di Lago e di Fiume è un pensiero che ho avuto anni fa e che oggi raccontiamo al mondo - ha spiegato il presidente dell’Associazione Gente di Lago e di Fiume Marco Sacco - Ci siamo associati, abbiamo fatto squadra per pensare al futuro del nostro territorio. Il futuro delle imprese, dei pescatori, dei piatti. Il 7 e l' 8 ottobre sull'Isola Pescatori tutti i ristoranti cucineranno per noi e dalla contaminazione degli chef provenienti da tutta Italia nasceranno dei piatti diversi da quelli visti fino a ora. Sarà anche l'occasione per raccontare quello che eravamo, quello che siamo e quello che vorremo essere».

 

«Gente di Lago e di fiume ha lo scopo di far rivivere alle persone esperienze che forse si sono perdute - ha aggiunto il vice presidente dell’Associazione Angelo Ruffoni - All’Isola dei Pescatori si potranno ritrovare tutte le ricette fatte con i nostri buonissimi pesci di lago, rivisitate da Marco Sacco e da tanti altri chef che ci faranno scoprire nuovi sapori».

 

«È una gioia vedere finalmente mettersi insieme diverse forze che possono dare del lago una immagine diversa - ha commentato il Commissario italiano per la pesca nelle acque italo-svizzere Marco Zacchera - Dalla cucina alla pesca, c’è una grande necessità di rilanciare questa risorsa: non solo dal punto di vista turistico, ma anche ittico. Il lago è soggetto a tante leggende metropolitane. Bisogna conoscerlo meglio, sfruttarlo e proteggerlo».

 

«Noi invitiamo sempre le persone a utilizzare la navigazione, perché consente di spostarsi rapidamente e senza stress e ci consente di andare in luoghi e di vedere paesaggi stupendi che non possono essere visti da nessun'altra parte.- ha commentato il direttore di esercizio di Navigazione Lago Maggiore, Gian Luca Mantegazza -. Per l'evento all'Isola Pescatori metteremo a disposizione la nave più ecologica che esiste sul lago, perché è a vapore: il Piroscafo Piemonte. Invito tutti a venire a vedere questa opera prodigiosa costruita nel 1904. Solo comprendendo il passato avremo delle ottime radici per il nostro futuro».

 

«Una iniziativa originale e fresca che guarda al futuro e al turismo - ha sottolineato il sindaco di Verbania Silvia Marchionini - Trovo molto positivo il ruolo di testimonial di persone come Marco Sacco e Angelo Ruffoni che danno prestigio al nostro territorio ed è ottima l’unione di più realtà che possono creare un nuovo gruppo a servizio della comunità».

 

«Questa idea punta a fare unione in un territorio dove spesso ognuno va nella propria direzione e aver messo insieme gli undici ristoratori dell’Isola dei Pescatori è un risultato eccezionale - ha sottolineato Oreste Pastore, presidente del Distretto turistico dei Laghi -. Ricordiamoci poi che la gente di lago non è solo quella che vive e lavora su questo territorio, ma anche i tanti turisti che apprezzano questo grande patrimonio e vengono a milioni per visitare i nostri laghi».

 

«Abbiamo deciso di sostenere questa manifestazione perché Cariplo è molto attenta alla cura del territorio - ha spiegato  il commissario della Fondazione Cariplo Francesca Zanetta - Riteniamo che Gente di lago e di fiume unisca tutta la provincia del Verbano Cusio Ossola e ci obblighi a pensare quanto dobbiamo essere grati a questo territorio. Marco Sacco ci ha riuniti tutti con una sorta di "defibrillata" di cuore».

 

L’idea è di creare una grande comunità, in cui riunire cuochi, pescatori, ittiologi, acquacoltori, enti e organizzazioni, accanto a ristoratori, produttori, aziende, professionisti. Ma anche semplici cittadini, “gente” che crede nell’importanza di tutelare e valorizzare questo straordinario patrimonio ambientale, culturale ed economico. Una vera e propria rete di formazione e informazione, che nasce in Italia sul Lago Maggiore e punta ad allargare velocemente i suoi confini regionali e nazionali.

 

Per il primo appuntamento, un vero e proprio tuffo nell’acqua dolce, è stata scelta la caratteristica Isola dei Pescatori (VB), la più piccola delle Isole Borromee affacciate su Stresa e sul Lago Maggiore.

 

Domenica 7 ottobre sarà possibile scoprire la gastronomia lacustre, facendo tappa nelle 11 postazioni dei ristoranti dell’isola, che proporranno ricette a base di pesce di lago firmate in collaborazione con una vera e propria task force di chef internazionali.

Durante tutta la giornata sarà possibile partecipare anche a lezioni di cucinaworkshop e laboratori di approfondimento, per conoscere le specie ittiche e le proprietà organolettiche e nutrizionali del pesce d’acqua dolce. Le famiglie con i bambini potranno vivere l’emozione di ripopolare il lago partecipando alla semina dimostrativa degli avannotti. Il Museo della Pesca aprirà le sue porte agli ospiti e si potranno ascoltare le storie dei pescatori, durante speciali lezioni in cui scoprire i segreti del mestiere, comprese le tecniche antiche e moderne di riparazione delle reti. Si potrà visitare anche il Piroscafo a vapore “Piemonte” del 1904.

 

Lunedì 8 ottobre, invece, la giornata sarà dedicata a un momento di dibattito e confronto. Istituzioni, enti, rappresentanti del mondo scientifico e produttivo si ritroveranno accanto ai professionisti dell’informazione e della comunicazione (giornalisti, blogger, influencer),per parlare del futuro dei laghi e delle acque dolci e rilanciare il loro potenziale culturale ed economico. La mattinata si concluderà con una risottata aperta anche a tutti i cuochi e le “giacche bianche” che vorranno partecipare. La sera , a Stresa, cena “stellata” nella prestigiosa cornice del Grand Hotel des Iles Borromées & Spa.

 

Il ricavato dell’evento servirà a sostenere iniziative di tutela e promozione dei laghi e dei fiumi.

 

Comunicato stampa
Ricerca in corso...