Nuovo pavimento per la pista di atletica leggera di Verbania

Verbania -

Si sono conclusi i lavori di messa in sicurezza e recupero della pavimentazione sportiva dell'impianto di atletica leggera di Verbania (in via Belgio). Progetto eseguito dal Comune di Verbania, dal 5o Dipartimento Servizi al Territorio, e lavori eseguiti dalla ditta Polytan Gmbh di Burgheim (Germania),iniziati il 3 luglio e finiti lo scorso 7 settembre per un costo totale di 180 mila euro.

Il sindaco di Verbania Silvia Marchionini sottolinea: "ora che la pista di atletica è stata rifatta, considerando anche la presenza dei campi di rugby e il loro sviluppo (con la nuova area concessa dal comune vicino al cimitero con la nuova club house del Verbania Rugby) e il nuovo spazio comunale per lo skateboard, quest' area è diventata con l’impegno dell’Amministrazione Comunale e delle società sportive, un punto di riferimento per i giovani che fanno sport".

I lavori hanno riguardato il rifacimento della pavimentazione relativa allo strato superficiale d'usura con il mantenimento e il recupero del sottostante strato di base. Nel dettaglio l'intervento, che nel gergo tecnico viene definito di retopping, è consistito nella stesura di un primo strato di pore-sealer (turapori) composto da una mescola di resina poliuretanica bi-componente (spessore circa 1,5 mm),in modo da stuccare tutta la superficie e bloccare le screpolature dovute all'usura della pista. Un secondo strato (spessore circa 2,5 mm) è stato poi eseguito mediante spruzzatura di una mescola di resina poliuretanica colorata e granuli di terpolimero (EPDM) data a più mani, ad alta resistenza ai raggi UV, agli agenti atmosferici ed all'azione meccanica delle scarpette chiodate, antisdrucciolo e antiriflesso. Preliminarmente a questi lavori si è proceduto a rimuovere integralmente la pavimentazione della fascia interna (20-30cm di larghezza) e di quella esterna (5-10cm di larghezza),per tutta la lunghezza della pista, e si è proceduto alle loro integrali ri-costruzioni per tutto lo spessore (18mm); questo con lo scopo di bloccare nonché impedire la crescita e propagazione delle erbe infestanti al di sotto della nuova pavimentazione. Infine è stata rivista la fossa a disposizione dei 3000 siepi, aggiornandola rispetto le nuove normative FIDAL, e posati nuovi assi di battuta nelle corsie dei salti in estensione. Il tutto è stato realizzato in maniera tale che il manto finale rispetti le caratteristiche fisico-meccaniche secondo i Regolamenti tecnici FIDAL/IAAF per l'omologabilità. Nelle prossime settimane si provvederà all'affidamento, fornitura e posa in opera delle ultime attrezzature (cordolatura di alluminio bordo interno ed etichettatura bordo esterno).

Ricerca in corso...