Incontro italo-svizzero in prefettura per il Progetto Interreg TVA per la città di Brig-Glis

Verbania -

Lunedì 3 dicembre si è tenuto a Verbania un incontro tra il prefetto Iginio Olita, il vice presidente della regione Piemonte Aldo Reschigna, e una delegazione delle ferrovie BLS composta da Federico Brustia, rappresentante in Italia,Walter Finkbohner, rappresentante INTERREG Progetto TVA per la città di Brig-Glis, Jurgen Maier responsabile relazioni internazionali, Ilona Ott Key Account Manager Italia.

Dopo la presentazione di questa impresa di trasporto, tra le maggiori in Svizzera, sono stati illustrati gli obiettivi del nuovo progetto interreg 2014-2020 “TVA Il trenino verde delle Alpi, motore della mobilità ecologica tra l’Ossola e il Vallese” che prevede tra l’altro il miglioramento della mobilità tra le due zone e l’attrattività di questo servizio con un miglior accesso dei viaggiatori ai treni attraverso un abbattimento delle barriere architettoniche.

Il prefetto ha esposto l’attenzione verso la linea del Sempione anche con l’azione da lui coordinata per rendere la stazione ferroviaria di Domodossola più sicura,  con l’installazione di telecamere, non appena sarà disponibile il loro finanziamento.

Reschigna ha evidenziato come il servizio BLS, per la tratta in concessione della regione, oltre a garantire il trasporto dei lavoratori frontalieri sia un elemento di sostegno al commercio locale.

Concordemente sono state individuate le criticità nel coordinamento delle coincidenze con l’arrivo e le partenze dei convogli sulla linea verso Milano ed indicate le difficoltà che attualmente ostacolano il cadenza mento orario sulla tratta Domodossola-Briga.

Il traffico merci dovrà offrire, anche con il contributo finanziario di circa 40 milioni di euro da parte Svizzera, più flessibilità nella circolazione, specialmente per i treni alti 4 metri, per far fronte alla domanda di trasporto.

Questo problema verrà sottoposto in sede romana.

Ricerca in corso...