Giorgia Meloni, Stefano Maullu e i vertici di FdI sabato a Milano

Emergenza lavoro, impresa e infrastrutture per il futuro dell'Italia

Ci sarà Giorgia Meloni insieme a Stefano Maullu sabato mattina a Milano, alla convention SISTEMA ITALIA TRA SVILUPPO LOCALE E COMPETIZIONE GLOBALE. Per gli italiani e con gli italiani, per il lavoro e per le infrastrutture: potrebbe essere riassunto così, in estrema sintesi, il grido di battaglia che caratterizza l'incontro che vedrà riuniti, insieme a giornalisti e rappresentanti della società civile, i vertici di Fratelli d'Italia al gran completo. La convention è stata voluta e organizzata dall'europarlamentare Stefano Maullu con l'appoggio e la partecipazione della leader di FdI Giorgia Meloni, che chiuderà l'incontro con un suo intervento. La convention si aprirà con un caffè di benvenuto alle 9.30 del mattino presso l'Hotel Marriot, in via Washington 66, e proseguirà per tutta la giornata con la partecipazione di molti rappresentanti di Fratelli d'Italia: innanzitutto Maullu che sarà affiancato dalla leader di FdI Giorgia Meloni, che ha aderito all'iniziativa con entusiasmo e chiuderà la convention con un suo intervento. Poi, Guido Crosetto, Raffaele Fitto, Carlo Fidanza, Francesco Lollobrigida, Adolfo Urso, Marco Osnato, Alessio Butti, Fabio Rampelli, Paola Frassinetti e il sindaco di Ascoli Guido Castelli, mentre per gli approfondimenti sociali e sull'identità della nostra Patria verso l'Europa dei popoli interverranno Giampaolo Rossi, Edoardo Sylos Labini e Angelo Crespi. E' previsto anche un intervento video del governatore della Liguria Giovanni Toti.

“Abbiamo la volontà e il dovere di parlare di economia, di lavoro e di strategie per il lavoro, come confermano i dati preoccupanti che stanno emergendo in questi giorni e che vedono il Paese nuovamente in recessione tecnica”, spiega Maullu. “Il nostro impegno primario, in Italia come in Europa, è quello di difendere i cittadini italiani e di trovare una strada comune per risollevare la nostra economia e per offrire a tutti nuove opportunità di lavoro”.

Per questo Maullu ha voluto un incontro che coinvolga il mondo produttivo e quello politico, chiamati a confrontarsi e a ideare soluzioni alternative ed efficaci. Impresa, infrastrutture, competitività, difesa del Made in Italy e dei nostri marchi sono i temi fondamentali che verranno affrontati.

“Ci sono problemi che ormai da troppo tempo frenano il Paese, anche e soprattutto perché le risposte offerte negli anni dalla politica non si sono rivelate efficaci. Anzi, le politiche di austerity che dal governo Monti in poi sono state applicate senza criterio si sono rivelate deleterie e penalizzanti per l'Italia”.

Maullu non mette nel mirino solo le politiche dei governi passati, ma è molto critico anche con l'attuale esecutivo per la parte che riguarda il Movimento 5 Stelle. “Dobbiamo opporci a politiche di sterile assistenzialismo come il reddito di cittadinanza, e dobbiamo opporci all'immobilismo e alla folle strategia del blocco alle infrastrutture che caratterizza i 5 Stelle, impegnati a stoppare ogni tentativo di ammodernamento necessario per rilanciare il Paese, come dimostra la vergognosa vicenda della TAV Torino-Lione. Noi sappiamo che per dare un futuro all'Italia, al contrario, dobbiamo aiutare e difendere il tessuto economico-produttivo nazionale, sostenerlo nella sfida globale rafforzandone il radicamento locale, all'interno di un'Europa da rifondare e da ripensare al di fuori dell'egemonia franco-tedesca che per troppo tempo ci ha penalizzati”.

 

Redazione
Ricerca in corso...