"Caso" Belgirate: Borghi presenta interpellanza a Salvini, l'opposizione consiliare segnala le immagini alla Prefettura

belgirate -

BELGIRATE - Come aveva preannunciato, Enrico Borghi con il collega deputato Emanuele Fiano, ha presentato questa mattina un'interrogazione a risposta scritta ai ministri dell'Interno e per la Pubblica Amministrazione, relativamente alla selezione da parte del Comune di Belgirate di un'addetta alla comunicazione che aveva pubblicato sulla sua pagina Fb immagini naziste (qui),poi rimosse quando è scoppiato il caso.  
«I richiamati post pubblicati dalla Sig.ra Galluzzo Veronica - si legge nell'interrogazione di Borghi e Fiano - risultano essere in contrasto con le disposizioni di legge vigenti nel nostro paese che riconosce il reato di apologia di fascismo».
Va inoltre considerato «che la posizione di addetto alla comunicazione di un’amministrazione locale richiede il possesso, oltre che dei requisiti professionali, anche di deontologia professionale e di immagine che non possano arrecare danno all’amministrazione comunale servita. La comunità belgiratese ha avuto un ruolo fondamentale nella lotta di Liberazione che ha portato il Comune ad essere insignito di due Medaglie d’Oro al Valor Militare.
Sui fatti sopraccitati è già stata informata dalla minoranza consiliare di Belgirate la Prefettura del Verbano Cusio Ossola
». I due parlamentari chiedono quindi ai ministri di intervenire nei confronti dell’amministrazione comunale di Belgirate «al fine di consigliare di procedere con l’annullamento in autotutela del bando di gara esperito per tutelare l’immagine della Comunità Belgiratese».
Il gruppo consiliare Belgirate Viva (Flavia Filippi, Antonella Gallo, Marco Maestri) ringrazia i due parlamentari e, dissociandosi dall'iniziativa del Comune di Belgirate condanna «in modo assoluto il contenuto di foto, che offendono la memoria di milioni di persone cadute nell’Olocausto, oltre che la memoria dei belgiratesi».
 

AD
Ricerca in corso...