Sanità, il Pd provinciale critica i sindaci 'dissidenti'

Verbania -

Sottrarsi volutamente al confronto è un segno di debolezza. Chi ha paura del confronto non ha idee alternative né strategia da opporre.

D’altra parte, sono mesi che aspettiamo e sollecitiamo una chiara illustrazione delle tesi sostenute da questo autorevole gruppo di dissidenti, ma sinora abbiamo ottenuto solo silenzio e i cittadini di cui si pretende il voto hanno diritto di sapere dal Sindaco di Cannobio, e "presunto" candidato Sindaco di Verbania (oltretutto "portavoce" del gruppo di Sindaci dissenzienti),le “vere” ragioni di tale posizione.

Ricordiamo la giravolta con il Si prima e poi il No all'ospedale unico e nuovo a Ornavasso dello stesso sindaco di Cannobio e poi la mancata partecipazione, di pochi giorni fa, al tavolo con la Regione Piemonte per discutere nel merito delle proposte in campo.

Si tratta della salute dei cittadini e la salute non ha colore politico. Richiede soluzioni tecniche che la tutelino al meglio, una strategia compatibile con le risorse a disposizione, una presa d'atto delle necessità sociosanitarie del territorio, non delle "sparate" senza senso e senza costrutto.

Dal 2012 abbiamo finalmente una legge che tutela il cittadino malato partendo dalla sua "presa in carico" sul territorio, definendo il suo percorso di assistenza e di cura come mai è successo prima. Percorso che si sta faticosamente realizzando in questi anni frenato da cervellotici ostacoli burocratici, veti incomprensibili e assenza di alternative.

Questi temi meritano dialogo, non fughe.

 

Circolo PD Verbania
Coordinamento Provinciale PD

C.S.
Ricerca in corso...