Stresa vieta l'uso di acqua potabile per giardini e piscine

stresa -

Giro di vite sul consumo d’acqua potabile, dopo le ripetute interruzioni nell’erogazione dei giorni scorsi. Il sindaco, Giuseppe Bottini, ha firmato un’ordinanza di divieto per l’irrigazione di orti e giardini, riempimento piscine, lavaggio di veicoli su tutto il territorio comunale dalle 7 alle 22.A chiedere il provvedimento è stata Acqua Novara Vco. E’ il secondo divieto, dopo quello adottato il 1° agosto a Verbania, sollecitato dall’azienda. Ma lì riguarda solo le utenze della frazione collinare di Cavandone e la Bergamina (Suna). A Stresa il divieto di utilizzare acqua potabile per scopi non alimentari o di igiene personale è esteso a tutto il territorio comunale. Più lungo anche il periodo in cui il provvedimento è in vigore, il 30 settembre (a Verbania è il 31 agosto).

Dal divieto, oltre alle utenze domestiche, sono esentate le attività economiche.

Chi dovesse essere sorpreso, nella fascia oraria di divieto, a riempire piscine, bagnare orti e giardini, lavare veicoli o ad utilizzare l’acqua potabile per usi non consentiti dall’ordinanza dagli agenti del corpo di polizia municipale verrà multato da un minimo di 25 ad un massimo di 500 euro.

Redazione On Line
Ricerca in corso...