Sfiorata quota 400 per la “prima” della Cumpagnia dul dialett al Maggiore

Verbania -

VERBANIA – Debutto oltre le più rosee previsioni, il 31 maggio scorso, a “Il Maggiore” per la “Cumpagnia dul dialett da Intra”. Per “Cula bun’anima” sono stati venduti 396 biglietti per un incasso di 1598,10 euro. “Cifra che abbiamo deciso di integrare a 2000 per poter dare alle due associazioni beneficiarie 1000 euro a testa”, ha spiegato Simona Sassi, presidente di Avis Verbania, che tra le iniziative per festeggiare i 70 anni di attività, aveva organizzato, in collaborazione con la compagnia dialettale intrese la recita. Gli assegni sono stati consegnati a Carlotta Caiazza, della sezione VCO dell’Angsa (Associazione genitori soggetti autistici) e a Laura Preiata, della onlus Veronica Argento. “Destineremo questi soldi al fondo per l’avvio al lavoro dei nostri ragazzi, perché il ‘Dopo di noi’ diventa cruciale man mano che gli anni passano e i genitori invecchiano”, ha commentato Caiazza. “Noi destineremo questi soldi al progetto casa, per dare una soluzione abitativa a bimbi e ragazzi malati di tumore e alle loro famiglie. Proprio in questi giorni siamo riusciti a sistemarne una”, ha riferito Preiata.
Eravamo un po’ titubanti a calcare il palco de “Il Maggiore”. Siamo abituati ai 200 posti del Centro d’Incontro Sant’Anna che, nell’immaginario collettivo, è ancora considerato il teatro di Verbania – è stato il commento di Bobo Bolognesi -. Con questa recita abbiamo ‘prosciugato’ il nostro pubblico. Siamo in forse se tenere lo spettacolo d’apertura della nostra stagione a Sant’Anna, visto che i nostri spettatori hanno già dato”. Felice per il successo della serata del 31 s’è detta il sindaco, Silvia Marchionini: “E’ la dimostrazione che il teatro funziona ed ha assunto una centralità nella vita sociale e ricreativa di Verbania”.

Redazione On Line
Ricerca in corso...