Salta per mancanza del numero legale la votazione dello spostamento dell’ufficio del catasto a Fondotoce

Verbania -

Salta per mancanza del numero legale la votazione dello spostamento dell’ufficio del catasto a Fondotoce, dove è stata già collocata l’Agenzia delle Entrate. L’amministrazione comunale ha portato in consiglio la proposta di creare la nuova sede, completando la ristrutturazione e riqualificazione dell’immobile. I proprietari hanno infatti partecipato a un bando dell’Agenzia delle entrate e il privato ha offerto parte del capannone che deve essere ristrutturato. Lo spostamento dell’Agenzia delle Entrate a Fondotoce era avvenuto  durante l’amministrazione Zacchera. Una proposta alla quale si sono detti contrari i gruppi di opposizione di Sinistra e Ambiente, Cittadini con Voi, Movimento Cinque Stelle e Sinistra e Unita. “La zona è a rischio idrogeologico - ha detto il capogruppo pentastellato Roberto Campana -. Con lo spostamento si avrà perdita di ricchezza dei funzionari che andranno a gravitare su quella zona. Dovrebbe essere la zona di Pallanza a diventare un centro per tutti i servizi pubblici. L’attuale sede del Catasto è attualmente vuota e lì potrebbe tornare l’Agenzia delle entrate”.

“Trovo che questo atto sia solo apparentemente semplice e lineare. Si ribaltano le linee e le affermazioni del Pd durante l’amministrazione Zacchera, contro lo spostamento a Fondotoce dell’Agenzia delle Entrate. Il Pd di oggi porta a termine il programma del centro destra”. 

Anche Damiano Colombo (Fdi) ha attaccato il Pd, parlando di “poca coerenza” rispetto al passato. “La figuraccia non la facciamo noi che abbiamo portato a casa il risultato, la fate voi che prima l’avete pensata in un modo, oggi la pensate in un altro e poi chissà”. Patrich Rabaini di Comunità.Vb ha detto: “La zona dei servizi a Fondotoce è nella linea di essere più baricentrici. Ma oggi come oggi bisognerebbe anche spostare il Tribunale, perché si sposta un servizio pubblico per professionisti e cittadini che si trova a Pallanza, in un’area destinata a servizi pubblici. Si perde una giornata oggi per andare all’Agenzia delle Entrate a Fondotoce”. Il sindaco Silvia Marchionini ha ribattuto alle critiche: “Non capisco se si è consiglieri nell’interesse della città o di un gruppo politico cui si risponde prima dell’interesse della città. Nel 2012 sarei stata contraria anche io perché nessuno poteva prevedere che l’area diventasse quella che era oggi. Allora lo spostamenti era stato in un’area in cui non c’era nulla, non perché sono stati visionari, ma perché sono stati avventati. Poi è andata bene perché quella zona sta acquisendo un suo senso e oggi è necessario legare anche il Catasto”. 

Prima della votazione, però, la verifica del numero legale ha avuto esito negativo. Due consiglieri del Pd erano andati a casa e, nonostante le richieste del sindaco al capogruppo Tartari di chiamarli (si era fatta la 1,20 del mattino) non è stato possibile raggiungere il minimo previsto e il presidente Varini ha mandato tutti a casa.

Redazione On Line
Ricerca in corso...