Regione, 7.400.000 euro per contrastare la dispersione scolastica

Tra i risultati che la Regione intende ottenere il sostegno nella scelta dei sistemi di istruzione e formazione; il riorientamento e una diffusione più capillare delle reti territoriali dei servizi

Torino -

Il contrasto alla dispersione scolastica è stato uno dei principali argomenti esaminati la mattina del 18 apriledalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente. L’atto di indirizzo riguardante l’orientamento a supporto delle scelte per il contrasto della dispersione scolastica -scrive la regione- a sostegno dell’occupabilità nel periodo 2019-2022, proposto dall’assessora all’Istruzione e Formazione professionale, comprende una serie articolata di interventi rivolti a adolescenti e giovani tra gli 11 e i 22 anni e alle loro famiglie, nonché agli operatori del sistema regionale di orientamento.

I risultati che la Regione intende ottenere sono: sostegno nella scelta dei sistemi di istruzione e formazione; riorientamento e recupero di insuccessi e scelte sbagliate in ottica preventiva della dispersione scolastica; rinforzo delle pratiche di coprogettazione (orientatore - insegnante referente) per rendere coerenti e identificabili i percorsi proposti ai ragazzi; diffusione più capillare delle reti territoriali dei servizi, in particolare presso gli istituti scolastici; rafforzamento del Sistema regionale di orientamento utilizzando una promozione più efficace presso i potenziali destinatari. Per l’attuazione delle misure previste si attingerà per 7.400.000 euro dalle risorse del Fondo sociale europeo.


 

Ricerca in corso...