Lezione d'amore con Umberto Galimberti, al Maggiore. Una serata dell'Associazione Psicologi VCO

Parla Saulo Zanetta, presidente del sodalizo che unisce gli psicologi della provincia

Verbania -

VERBANIA - Grandi novità in pentola per l’Associazione Psicologi VCO che dà il via a “Ingresso libero”, una serie di incontri culturali di grande rilievo, tra approfondimento e divulgazione. Si comincia con l'invito ad Umberto Galimberti per una grande serata di ascolto, una lectio magistralis sull'Amore, declinato in tutte le sue forme, che il grande filosofo morale terrà al Maggiore, domani, venerdì 13 ottobre (ore 21). L’appuntamento è realizzato con la Società Filosofica Italiana e la collaborazione di Verbanonews come media partner.
Per saperne di più, sul sodalizio e sull’evento, chiediamo lumi direttamente a Saulo Zanetta, presidente dell’Associazione Psicologi del VCO.

Come procedono le attività della neonata Associazione Psicologi del VCO?

Siamo cresciuti, ora siamo 74 e i soci rappresentano bene tutta la realtà territoriale della nostra Provincia proveniendo da tutte e tre i bacini : Verbano, Cusio e Ossola. I primi incontri in assemblea generale hanno visto il costituirsi del Consiglio direttivo, che conta 12 membri. Nei mesi passati abbiamo partecipato a proposte di altre associazioni per assicurare il nostro sostegno in ambiti che ritenevamo importanti. Recente è anche la nascita di sotto gruppi specifici per aree tematiche.

Da che cosa nasce l’idea dei sottogruppi tematici?

L’idea della loro creazione nasce dal fatto che oggi la Psicologia si occupa di molti aspetti della vita quotidiana. Lo studio del comportamento umano è complesso e questo necessita sempre più aree di sapere specializzate. Noi stessi come psicologi tendiamo a specializzarci in alcune di esse. Suddividerci per aree di interesse è stato un passaggio naturale.

Quali sono i sottogruppi e le aree individuate?

A titolo esemplificativo, senza citarli tutti, si sono formati gruppi sulla psicologia dell’invecchiamento, la psicologia in ambito scolastico, psicologia e tecniche di meditazione , sulla psicoterapia, sul sostegno genitoriale, sui nuovi media e patologie correlate, sull’alimentazione e altri. Tra questi anche un gruppo “eventi” che ha qualcosa da proporre per il mese di ottobre.

Che cosa?

L’idea del gruppo eventi era di instaurare una collaborazione con una realtà associativa già presente sul territorio che fosse per argomenti trattati vicina ai nostri temi. Questa Associazione è Società Filosofica sezione VCO. Il passaggio successivo era individuare un personaggio che potesse trattare argomenti interessanti ad entrambe le comunità. Chi meglio di Umberto Galimberti filosofo, docente universitario, articolista sulle maggiori testate nazionali, membro ordinario dell’international Association for Analytical Psychology poteva rappresentare l’ospite più adatto?

Di che cosa parlerà?

Il titolo della serata è “Le molteplici forme dell’amore”. Sarà una lectio magistralis su ciò che la filosofia e la psicologia possono dire su questo sentimento. Ciò che è cambiato nel tempo e ciò che è immutato. Il tema è stato scelto anche per far luce sulle derive patologiche dell’amore, quando esso cioè si trasforma in soppraffazione, violenza, possesso. Un’occasione per riflettere visti i recenti fatti di cronaca in tema di violenza di genere che hanno colpito la nostra provincia.

Dove e quando?

La data è venerdì 13 ottobre 2017, alle 21.00. Il luogo è il Teatro Maggiore di Intra. La scelta, grazie al patrocinio del Comune di Verbania, garantisce ad eventi come questo finalmente la cornice più adatta. Il desiderio è quello di poter assistere per una sera ad un grande evento culturale, che possa accogliere persone interessate da tutta la provincia e perché no anche da quelle vicine e dal Ticino. L’ingresso è libero grazie agli sponsor. Ne approfitto per lanciare un appello a realtà imprenditoriali interessate a farsi pubblicità o semplicemente sostenere questa e le prossime iniziative. L’idea del gruppo eventi è infatti promuovere con questa serata l’iniziativa denominata “Ingresso libero” che mira a portare altri personaggi di fama internazionale sul Lago Maggiore garantendo la gratuità. E chissà magari un giorno organizzare un Festival della Psicologia…
 

 

 

Redazione On Line
Ricerca in corso...